Articoli corrispondenti al tag: web

Vasco, rock e business

di , 4 Luglio 2017 03:40

Il concerto di Vasco Rossi è diventato l’evento più importante d’Italia e per diversi giorni è stato al centro dell’attenzione mediatica. Stampa, televisione, internet, per giorni hanno esaltato questo evento musicale contribuendo al suo successo organizzativo. Ed il successo è stato favorito anche dal fatto che i media gli hanno riservato tanto spazio. C’è un aspetto della comunicazione che di solito viene ignorato: l’effetto domino delle notizie. E’ un aspetto che si può riscontrare ogni giorno e la conferma è data dal fatto che spesso basta segnalare un video interessante e, inevitabilmente, le visualizzazioni di quel video aumentano. E’ l’effetto trainante delle notizie; una specie di reazione a catena. Più se ne parla e più cresce la popolarità, le visualizzazioni ed il successo.  Così dei video banali e insignificanti diventano popolari e spesso determinano anche dei guadagni per gli autori. Tanto è vero che essere “Youtuber” e pubblicare video è diventato quasi un mestiere; c’è gente che ci campa.

Quando leggiamo notizie sul mondo dello spettacolo (ma vale anche per tutti gli altri settori) forse non pensiamo che quella certa notizia, messa in prima pagina, con molta evidenza, abbia proprio lo scopo di creare interesse per quel personaggio o quell’evento. Sono veri e propri messaggi pubblicitari, ma noi li scambiamo per notizie di cronaca. Sono l’aspetto più subdolo dell’informazione. Esiste una pratica giornalistica che si chiama “pubblicità redazionale“, che non appare e non viene percepita come pubblicità, ma come semplice notizia di cronaca. Per riconoscere questi messaggi bisogna avere un minimo di senso critico e di spirito di osservazione; e non tutti ce l’hanno. Bene, il concerto di Vasco è un caso emblematico di questo effetto domino dell’informazione. E, sotto questo aspetto, è stato un grosso successo.

Non sono un fan di quel genere di musica, non ero al concerto e non l’ho nemmeno seguito in TV. Non riuscirei a ficcarmi in mezzo a migliaia di persone per ascoltare un cantante pop nemmeno se mi pagassero. Ma trovo interessante l’evento sotto l’aspetto del fenomeno sociale, come rito collettivo del quale ho parlato nel post precedente (Vasco, lo sciamano), riprendendo un post del 2013. Da molto tempo non seguo più la musica pop. Non perché non mi piaccia la musica; anzi, era la mia passione, tutta la musica, leggera, classica, Jazz, lirica, cantavo e conoscevo tutte le canzoni, suonavo la chitarra classica ed il piano e, a metà anni ’70 riuscii ad aprire anche la mia bella radio libera.  Ma ad un certo punto, proprio in quegli anni, con l’arrivo della disco music, avvenne un livellamento al basso della qualità musicale. La creatività andò scemando e, non avendo più la capacità di inventare nuove melodie ed armonie, si cominciò a dare sempre più importanza al testo, invece che alla musica. Era la stagione d’oro dei cantautori impegnati che, pian piano si trasformarono in pseudo-rivoluzionari con la chitarra. E da allora ho cominciato a non sopportare più questo scempio. Mi annoiano; anzi, non li sopporto.

Ma questa mancanza di creatività significa che le canzoni, dal punto di vista musicale, finiscono per somigliarsi tutte. E se ascoltiamo certe canzoni di seguito, sono così simili per ritmo e melodia che è difficile capire dove finisce una e comincia l’altra. In pratica, anche se fingono di non accorgersene, da decenni tutti cantano la stessa canzone, un’unica monotona nenia scandita dal ritmo ossessivo di una batteria elettronica; cambiano solo le parole. E così, a partire dagli anni ’70 i cantanti, a corto di fantasia creativa e proprio per mascherare questa carenza, sono diventati dei tribuni del popolo, portatori di messaggi sociali, si sono riciclati come poeti, ed i concerti di musica pop sono diventati spettacoli a base di luci, fumi colorati, coreografie, provocazioni (specie di tipo sessuale), proteste, fuochi d’artificio ed effetti speciali; e  la musica è solo un aspetto dello spettacolo, e nemmeno il più importante; sono il pretesto per radunare gente che paga un biglietto per stare in compagnia e sentirsi parte del branco.

Più che spettacoli musicali sono eventi di massa organizzati col solo scopo di realizzare profitti. Questo articolo lo dice molto chiaramente e  fa i conti in tasca a Vasco, al concerto, alla sua società ed a tutto quello che ruota intorno al business del fenomeno Vasco: “Tutti gli affari della Vasco spa“. Ma il successo commerciale non necessariamente equivale a garantire la bontà del prodotto offerto. Spesso il successo dipende in gran parte dall’efficacia della campagna pubblicitaria. Appunto. Il fatto che sia stato il concerto con il più alto numero di spettatori paganti può avere un’importanza ai fini statistici, ma non significa che sia eccellente dal punto di vista musicale. Significa solo che molta gente ha partecipato e che è stato un grande successo organizzativo. Anche le adunate oceaniche del nazismo avevano grande partecipazione. Anche i comizi di Walter Veltroni al Circo Massimo radunavano 2.500.000 di partecipanti (diceva lui, vedi “Veltroni in versi e versacci“). Se milioni di persone ascoltano e ballano i tormentoni estivi non significa che quella sia musica di alta qualità. Se milioni di persone vanno a vedere i cinepanettoni non significa che siano capolavori della cinematografia. Se milioni di persone seguono telenovelas, fiction e reality non significa che siano spettacoli di alto livello. Se il numero fosse garanzia di qualità, dovremmo concludere, come scrisse qualcuno in rete molto tempo fa, che la merda deve essere squisita, perché miliardi di mosche non possono sbagliarsi.

Quantità e qualità non sono sinonimi, non sono intercambiabili, non si giustificano a vicenda. Sono concetti totalmente diversi, opposti e inconciliabili. La quantità va a scapito della qualità e la qualità non si accompagna mai alla quantità. Tante bugie non fanno una verità. Tanti idioti non fanno un genio. Si potrebbe continuare ad libitum su questa falsariga. Ma c’è una famosa battuta di Guido Clericetti che sintetizza il concetto: “Il 50% + 1 di imbecilli è una maggioranza; di imbecilli”. E finché il vecchio motto “panem et circenses” funziona per tenere buono il popolo ed obnubilare i cervelli, si va avanti così, fra rockstar, soubrettes smutandate e ciarlatani da fiera paesana che trattano la politica come fosse il mercato delle vacche. Vedendo i servizi entusiasti dei TG che mostrano una folla urlante di esagitati (e sentire i commenti intrisi di superlativi ed iperboli) si stenta a credere che si tratti di esseri umani; si ha l’impressione di assistere ad un reportage naturalistico sui primati. Ma le scimmie sono più simpatiche; e forse anche più intelligenti. Chi vuole intendere in tenda; gli altri in sacco a pelo.

Ormai questi eventi sono dei prodotti mediatici, costruiti secondo le più ciniche regole del mercato, con un unico scopo: realizzare profitti. Ed i media sono responsabili di questo stravolgimento dei valori anche del mondo dello spettacolo. Ecco perché i media hanno una grandissima parte di responsabilità nel crescente degrado culturale e morale della società. Sono i primi e più importanti veicoli di diffusione del principio del ” Non valore“, grazie al quale ciò che conta non è l’effettivo valore  qualitativo di un prodotto, ma il suo valore commerciale. Abbiamo sostituito la morale con il tornaconto economico, la cultura con il copia/incolla, i maestri con Google e la TV, e conta più il contenitore del contenuto.

Ecco perché i media esaltano fenomeni da baraccone e ne fanno dei modelli da imitare.  Per nascondere il fallimento della politica, la mediocrità eletta a sistema, il marciume e la corruzione di una classe dirigente inadeguata e l’inconsistenza culturale e morale delle ultime generazioni prive di valori e riferimenti, e di un’intera società allo sbando che corre incoscientemente verso l’autodistruzione. Ed il mezzo più pericoloso di tutti è la televisione, la cattedra mediatica dalla quale, 24 ore su 24, i nuovi maestri dispensano il nuovo verbo ed inculcano nel popolo i principi del pensiero unico di regime.

Sono riusciti a farlo anche in occasione di un concerto pop. Infatti hanno chiamato un “bravo conduttore”, Paolo Bonolis, a commentare il concerto. Non l’ho visto nemmeno per sbaglio, ma ho letto che questa curiosa innovazione ha suscitato molte polemiche (Modena park, tutti contro Paolo Bonolis, pioggia di polemiche sul web).  Il vero responsabile, però, non è Bonolis, ma chi ha avuto la bizzarra idea di far commentare un concerto pop come se fosse una partita di calcio. Ora la TV si sente in dovere di spiegarvi anche le canzonette. Come dire, cari italiani, che i “maestri” catodici sono convinti di avere degli alunni completamente deficienti. Non c’è altra spiegazione. In televisione c’è gente convinta che i telespettatori siano stupidi e, quindi, abbiano sempre bisogno di qualcuno che gli spieghi cosa stanno guardando. La realtà mostrata dalla TV ha bisogno delle didascalie o di un conduttore, cronista, commentatore, opinionista, che illustri al pubblico ciò che vedono benissimo sullo schermo. Salvo casi particolari, questi commenti sono del tutto inutili perché un’immagine vale più di mille parole. Ma gli addetti ai lavori fingono di non saperlo perché con quel lavoro ci campano. Gli esempi li abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni. Ma pensare di commentare un concerto di musica pop è così surreale da diventare perfino divertente, se non fosse invece molto fastidioso per chi l’ha seguito in TV.  Nessuno, però, fa meta-televisione e commenta i commenti dei commentatori. Così nessuno ci ha ancora spiegato perché in TV ci sono tanti idioti. Resta un mistero.

P.S.

Esempio, una canzone a caso, la prima che mi è venuta in mente: “Voce ‘e notte“, uno dei classici della canzone napoletana, che ha più di 100 anni, essendo stata scritta nel 1903. Questa è una splendida interpretazione di Francesca Schiavo con l’Orchestra italiana di Renzo Arbore. Vale più questa sola canzone di tutta la produzione dei Vasco Rossi e di tutti i rocker,  rapper, sfigati con piercing e tatuaggi e predicatori con la chitarra in circolazione. E andatevene a quel paese, Vasco, i fan e chi li segue, chi li ama e chi confonde la musica con i rumori gastrointestinali.

Video importato

YouTube Video

Sono tutti matti

di , 7 Giugno 2016 10:49

Il mondo sta impazzendo, o almeno così sembrerebbe a leggere certe notizie. Ne abbiamo conferma ogni giorno anche sui media dove non mancano annunci preoccupanti sulla salute mentale della gente. Ecco, per esempio, questi due box che compaiono oggi sulla prima pagina del Giornale.

Non c’è dubbio, parla proprio di pazzi. Sono impazziti i fan di Syria e sono impazziti pure gli utenti di Instagram per una certa Milena Gorum. Non si capisce bene quali siano le cause dell’improvvisa epidemia di pazzia collettiva, ma succede sempre più di frequente. Oggi sono Syria e Milena a provocare crisi di follia, ieri erano altre divette e domani saranno altre ragazze seminude in cerca di visibilità. Sono immancabili su qualunque pagina web. E non si tratta mai di semplici foto; no, sono sempre “Hot“, sono “mozzafiato” o, come in questo caso “fanno impazzire“. La pazzia dilaga, specie sui social network.

Già, la normalità sulla stampa non esiste. Deve essere tutto esagerato, ingigantito, iperbolico. Il guaio è che quando l’iperbole diventa normale e tutti i giorni ci troviamo di fronte a qualche foto che “fa impazzire“, non solo non impazziamo, ma ci viene da scompisciarci dalle risate. Anche perché il più delle volte queste bellezze tanto esaltate non hanno niente di meglio e di più di tante ragazze che incontriamo quotidianamente e che, forse, sono anche meglio di queste donnine spesso rifatte e ritoccate con photoshop. Ma i media sono pieni di questo genere di foto; sono convinti che attirino visite e che questo sia ciò che vogliono i lettori (cosa che resta ancora da dimostrare).  E continuano a riempire pagine e pagine di foto e notizie del tutto inutili, facendole passare per informazione.

Ma siamo sicuri che i lettori siano curiosi di avere notizie di queste vere o presunte star? Quanti saranno i lettori che sanno chi sia questa Milena Gorum? Forse lo sanno i genitori, parenti e qualche amico. Ma noi lo scopriamo leggendo  il pezzo (Instagram impazzito). E’ figlia di Jana Rajilich.  Chi è questa Jana Rajilich?  Non sapete nemmeno questo? Beh, ma allora siete proprio ignoranti. E’ una ragazza che uscì con Mick Jagger negli anno ’80 (non è chiaro se si trattò di un’uscita unica, se le uscite furono più di una, e se dopo essere uscita sia anche rientrata). Beh, lo sanno tutti chi erano le ragazze che 30 anni fa uscivano con Mick Jagger. No? Ma per i più curiosi, o per chi lo ha dimenticato, ecco una precisazione. Forse (la cosa non è proprio sicura, gli storici stanno ancora indagando)  le sue uscite con Jagger furono la causa della separazione da Jerry Hall. Chi è Jerry Hall? No, ragazzi, ma allora site proprio irrecuperabili. Ci rinuncio. Mica vi si può fare tutta la storia dell’umanità. Potevate applicarvi di più, negli anni ’80 erano materia di studio: letteratura, storia, filosofia, fisica, matematica e…ragazze che uscivano con Mick Jagger.

Ora, al di là dell’ironia, una cosa è chiara. Come ripeto da anni, queste notiziette servono solo a riempire le pagine, non hanno alcuna utilità pratica e sono anche ridicole, perché presentano sempre  con grandi strombazzamenti delle foto normali come qualcosa di straordinario. Ma fingono di non saperlo perché ci campano. Allora viene da pensare: visto che ormai abbiamo anche chiuso i manicomi, non sarà pericoloso avere tanti maniaci in circolazione che impazziscono per una foto?  No, in realtà non impazzisce nessuno. Gli unici pazzi sono quelli che continuano a propinarci queste cazzate quotidiane. E mi viene in mente una sigla televisiva che si addice benissimo a questi signori della stampa: “Sono tutti matti“; i giornalisti, non i lettori.

Video importato

YouTube Video

Metaformofosi e bimbi gialli

di , 9 Ottobre 2015 08:15

Ancora titoli curiosi presi dal web. Leggere le notizie sta diventando una pena, una sorta di penitenza alla quale ci sottoponiamo in nome della necessità di essere informati. Quindi ogni giorno, anche se non leggiamo gli articoli, dobbiamo almeno necessariamente leggere i titoli di notizie di gossip, cronaca nera, pubblicità occulta, idiozie spacciate per informazione e le ultimissime della politica nazionale ed estera, drammatiche e poco rassicuranti sul nostro futuro.

Per fortuna  capitano anche degli articoli e titoli che ci fanno sorridere. Così compensiamo in qualche modo l’effetto deprimente della cronaca quotidiana. Ecco un esempio di titolo “casual” riportato due giorni fa nella Home Tiscali: “Ricerca sulla metaformofosi dei neutrini”. Si tratta dell’assegnazione dei Nobel per la fisica. E quando si parla di scienza si deve stare attenti a ciò che si scrive, perché la scienza è una cosa seria, è per definizione “esatta”. Quindi, a prima vista, siamo portati a pensare che anche questo titolo sia esatto e che i due fisici siano stati insigniti del prestigioso riconoscimento per una ricerca sui neutrini e su una strana e sconosciuta loro proprietà: la “Metaformofosi“.  Incuriositi si legge, quindi, l’articolo, ma di questa metaformofosi non c’è traccia. Inutile anche tentare un rapida ricerca su Google, non la trovereste nemmeno lì.  Com’è facilmente intuibile, infatti, si tratta del solito strafalcione, il classico refuso o errore di battitura. Forse per la fretta o la disattenzione, al posto di una corretta metamorfosi  ci scappa una metaformofosi.

Niente di grave, succede. Ciò che, però, non è molto comprensibile e giustificabile, cosa che ripeto da anni,  è che quell’errore sia rimasto al suo posto, in prima pagina, tutta la giornata. Quel box con quel titolo è sparito solo il giorno dopo, quando al mattino sono state inserite nuove notizie in home. Allora ci si chiede come sia possibile che in tutta la giornata nessuno si prenda la briga di controllare cosa si pubblica in prima pagina, ed eventualmente correggere gli errori.  E’ la domanda che mi pongo spesso, ed ancora non trovo risposta; se non la certezza che l’informazione in rete sia fatta con molta leggerezza, approssimazione, e mancanza di rispetto per i lettori.

Ancora un titolo curioso, sempre su Tiscali di avantieri. Non è propriamente un errore, è solo un effetto umoristico dettato dalla necessità di comporre un titolo breve, conciso, ma esplicativo. Lo si nota perché capita proprio sotto il precedente titolo sulla “metaformofosi“. Allora non si può non notare l’effetto involontariamente umoristico di questo titolo che usa il termine “giallo” per indicare che sul fatto c’è qualcosa di poco chiaro. Il termine “giallo” una volta indicava i racconti di genere poliziesco, quelli lanciati alla fine degli anni ’20 del secolo scorso dalla casa editrice Mondadori (Gialli Mondadori) e che erano caratterizzati proprio dalla loro inconfondibile copertina gialla. Da questa particolarità editoriale nacque l’abitudine di estendere il termine “giallo” a tutto ciò che, in televisione, al cinema o in letteratura, riguardava storie di argomento poliziesco.

Ma, come succede spesso con l’evoluzione della lingua, il suo significato viene solitamente esteso a tutto ciò che è misterioso, poco chiaro, che lascia in sospeso domande senza risposta ed enigmi irrisolti. Ed ecco che il verificarsi di un fatto del quale non sono ben chiare le cause diventa “un giallo“. Già questo suscita ironia, perché, se dovessimo intendere il significato del termine “ giallo” per quello che era in origine, si dovrebbe interpretare la notizia in questo modo: “Precipita un bambino: è un racconto poliziesco“. Ma la prima domanda che viene alla mente è la seguente: è giallo il bambino, oppure è giallo l’ottavo piano? Se vogliamo, però, dedurre il significato del titolo dalla  “analisi logica” della frase (esercizio linguistico che credo scomparso dalla prassi didattica), dovremmo concludere che  dall’ottavo piano è precipitato un bimbo che, per qualche strano motivo, è “giallo“. Forse è caduto in un secchio di vernice gialla, o forse è stato dipinto di giallo seguendo la moda del body painting. E’ un mistero; o per stare in tema “è un giallo: il giallo del bambino giallo“.

Come se non bastasse, quel titolo si presta ad un altro possibile equivoco. Con il termine “giallo” si identificano anche le popolazioni dell’estremo Oriente: giapponesi e cinesi  (i “musi gialli“; ma guai a dirlo, vi accuserebbero di razzismo). Allora quel titolo potrebbe essere inteso anche in questo modo: “Precipita bimbo: è cinese“. Non basta, perché il colorito giallo può essere sintomo di un ittero, una disfunzione epatica. E allora la notizia si potrebbe leggere anche così: “Precipita bimbo: era affetto da itterizia“. Ma c’è anche un’altra ipotesi, la più logica e razionale, che può scaturire dalla lettura di quel titolo “Bimbo di 10 anni precipita dall’ottavo piano: è giallo”,  e concludere che si tratti semplicemente di un errore. In realtà, infatti, se un bimbo cade dall’ottavo piano, la cosa più probabile non è che sia giallo, ma che sia morto. No?

Sembrerebbe risolto il caso, o meglio “il giallo”. Così, per evitare  equivoci e fraintendimenti,  basta sostituire “giallo” con “morto“, ed otteniamo questo nuovo titolo: “Bimbo di 10 anni precipita dall’ottavo piano: è morto.”. Così sarebbe più chiaro? Ma nemmeno per sogno. Ora si porrebbe un nuovo dilemma: è morto il bambino, oppure è morto l’ottavo piano? Mistero; anzi, un giallo!

Guarda tu in che guaio semantico ci si può ficcare per un semplice titolo di stampa. Bisognerebbe essere più chiari quando si scrive. Si scherza, si scherza; ma mica tanto.

Internet anni ’50

di , 11 Gennaio 2011 16:31

Certo, non c’era internet negli anni ’50. Ma, nel caso fosse già esistita in quegli anni, come sarebbe stata la pubblicità? Se lo sono chiesto alcuni pubblicitari brasiliani i quali, non avendo altro da fare, hanno disegnato alcuni manifesti di attuali network come Facebook, Twitter, Skype e YouTube, secondo lo stile cartellonistico di quegli anni. Eccone due esempi (da Il Foglio.it) Beh, ad essere proprio pignoli, non c’erano nemmeno la minigonna indossata dalla facebookista, né le sedie riprodotte. Però complimenti per la fantasia e per l’omaggio agli anni della ricostruzione.

Si parla spesso dei “Favolosi anni ’60“. In realtà i favolosi anni ’60 sono cominciati negli anni ’50. Già, proprio così. E per ricordarli degnamente beccatevi un video (l’originale era in bianco e nero) di un Elvis Presley del 1957.

youtube stile anni 50

 

Video importato

YouTube Video

Dura la vita!

di , 6 Novembre 2010 13:48

Vivere è sempre più difficile. Anche la tecnologia, che dovrebbe facilitarci l’esistenza, si rivela fonte di preoccupazioni, problemi per la salute e spesso anche di tragedie. Lo conferma questa notizia: “Maresciallo spara alla figlia e si uccide“. Sembra che la causa sia il fatto che la ragazza passava troppo tempo su “Facebook“. Appunto, la tecnologia è pericolosa!

Meglio lasciar perdere Facebook, il web, e pensare a cose più pratiche, magari preparare un bel pranzetto. Ottima idea, così si esce di casa, si fanno due passi, si va al vicino mercatino rionale e “Frosinone: rapita e stuprata mentre era al mercato“. La ragazza, 25 anni, è stata trascinata dentro un furgone e stuprata da due, o forse tre, extracomunitari di colore. Di che colore? Indovinate un po’. Beh, comunque fa piacere che questi immigrati apprezzino le ragazze italiane. Si vede che si stanno integrando.

Non si è più sicuri in nessun posto. Tanto vale rifugiarsi in quel luogo ancora sacro che è la chiesetta del borgo natio. Si fa una preghierina, magari ci si confessa e ci si sente in pace con Dio e con gli uomini. Poi scopri che “Vent’anni di confessioni e messe; non era prete“. Non era prete? E allora a chi avete raccontato i vostri segreti peccati? Boh! Eh, signora mia, non c’è più religione!

Già, stiamo impazzendo tutti. Continuo a ripeterlo da anni. Deve esserci una specie di virus sconosciuto che ci sta facendo perdere il ben dell’intelletto. Ed i media ci danno una grossa mano d’aiuto in questa corsa alla follia. Stiamo impazzendo, ma non ce ne rendiamo conto. Proprio perché i matti non si rendono conto di essere matti. Chi ha la pazienza di leggere il mio blog sa che ripeto spesso questa considerazione. Ma un bloggherino di provincia non fa testo. Per fortuna, o purtroppo, ogni tanto arrivano le conferme. Eccola, è un’intervista a Sandro Veronesi, autore di successo: “Siamo immersi nella follia: Ma non ce ne accorgiamo“.

Non c’è scampo. Per fortuna ci resta ancora la libertà di fare le nostre scelte e tentare di salvare il salvabile. Libertà? Sì, quella che, un giorno sì e l’altro pure, tutti rivedicano e reclamano, specie a sinistra; se vecchi comunisti tutti d’un pezzo e antifascisti ancora meglio. Infatti, ecco cosa dice un comunista duro e puro da sempre e antifascista, Andrea Camilleri: “Sotto il fascismo ero più libero dei giovani di oggi“.

Boh…dicevamo? Ah, già, dura la vita…

 

Panorama Theme by Themocracy