Articoli corrispondenti al tag: musica pop

Vasco, rock e business

di , 4 Luglio 2017 03:40

Il concerto di Vasco Rossi è diventato l’evento più importante d’Italia e per diversi giorni è stato al centro dell’attenzione mediatica. Stampa, televisione, internet, per giorni hanno esaltato questo evento musicale contribuendo al suo successo organizzativo. Ed il successo è stato favorito anche dal fatto che i media gli hanno riservato tanto spazio. C’è un aspetto della comunicazione che di solito viene ignorato: l’effetto domino delle notizie. E’ un aspetto che si può riscontrare ogni giorno e la conferma è data dal fatto che spesso basta segnalare un video interessante e, inevitabilmente, le visualizzazioni di quel video aumentano. E’ l’effetto trainante delle notizie; una specie di reazione a catena. Più se ne parla e più cresce la popolarità, le visualizzazioni ed il successo.  Così dei video banali e insignificanti diventano popolari e spesso determinano anche dei guadagni per gli autori. Tanto è vero che essere “Youtuber” e pubblicare video è diventato quasi un mestiere; c’è gente che ci campa.

Quando leggiamo notizie sul mondo dello spettacolo (ma vale anche per tutti gli altri settori) forse non pensiamo che quella certa notizia, messa in prima pagina, con molta evidenza, abbia proprio lo scopo di creare interesse per quel personaggio o quell’evento. Sono veri e propri messaggi pubblicitari, ma noi li scambiamo per notizie di cronaca. Sono l’aspetto più subdolo dell’informazione. Esiste una pratica giornalistica che si chiama “pubblicità redazionale“, che non appare e non viene percepita come pubblicità, ma come semplice notizia di cronaca. Per riconoscere questi messaggi bisogna avere un minimo di senso critico e di spirito di osservazione; e non tutti ce l’hanno. Bene, il concerto di Vasco è un caso emblematico di questo effetto domino dell’informazione. E, sotto questo aspetto, è stato un grosso successo.

Non sono un fan di quel genere di musica, non ero al concerto e non l’ho nemmeno seguito in TV. Non riuscirei a ficcarmi in mezzo a migliaia di persone per ascoltare un cantante pop nemmeno se mi pagassero. Ma trovo interessante l’evento sotto l’aspetto del fenomeno sociale, come rito collettivo del quale ho parlato nel post precedente (Vasco, lo sciamano), riprendendo un post del 2013. Da molto tempo non seguo più la musica pop. Non perché non mi piaccia la musica; anzi, era la mia passione, tutta la musica, leggera, classica, Jazz, lirica, cantavo e conoscevo tutte le canzoni, suonavo la chitarra classica ed il piano e, a metà anni ’70 riuscii ad aprire anche la mia bella radio libera.  Ma ad un certo punto, proprio in quegli anni, con l’arrivo della disco music, avvenne un livellamento al basso della qualità musicale. La creatività andò scemando e, non avendo più la capacità di inventare nuove melodie ed armonie, si cominciò a dare sempre più importanza al testo, invece che alla musica. Era la stagione d’oro dei cantautori impegnati che, pian piano si trasformarono in pseudo-rivoluzionari con la chitarra. E da allora ho cominciato a non sopportare più questo scempio. Mi annoiano; anzi, non li sopporto.

Ma questa mancanza di creatività significa che le canzoni, dal punto di vista musicale, finiscono per somigliarsi tutte. E se ascoltiamo certe canzoni di seguito, sono così simili per ritmo e melodia che è difficile capire dove finisce una e comincia l’altra. In pratica, anche se fingono di non accorgersene, da decenni tutti cantano la stessa canzone, un’unica monotona nenia scandita dal ritmo ossessivo di una batteria elettronica; cambiano solo le parole. E così, a partire dagli anni ’70 i cantanti, a corto di fantasia creativa e proprio per mascherare questa carenza, sono diventati dei tribuni del popolo, portatori di messaggi sociali, si sono riciclati come poeti, ed i concerti di musica pop sono diventati spettacoli a base di luci, fumi colorati, coreografie, provocazioni (specie di tipo sessuale), proteste, fuochi d’artificio ed effetti speciali; e  la musica è solo un aspetto dello spettacolo, e nemmeno il più importante; sono il pretesto per radunare gente che paga un biglietto per stare in compagnia e sentirsi parte del branco.

Più che spettacoli musicali sono eventi di massa organizzati col solo scopo di realizzare profitti. Questo articolo lo dice molto chiaramente e  fa i conti in tasca a Vasco, al concerto, alla sua società ed a tutto quello che ruota intorno al business del fenomeno Vasco: “Tutti gli affari della Vasco spa“. Ma il successo commerciale non necessariamente equivale a garantire la bontà del prodotto offerto. Spesso il successo dipende in gran parte dall’efficacia della campagna pubblicitaria. Appunto. Il fatto che sia stato il concerto con il più alto numero di spettatori paganti può avere un’importanza ai fini statistici, ma non significa che sia eccellente dal punto di vista musicale. Significa solo che molta gente ha partecipato e che è stato un grande successo organizzativo. Anche le adunate oceaniche del nazismo avevano grande partecipazione. Anche i comizi di Walter Veltroni al Circo Massimo radunavano 2.500.000 di partecipanti (diceva lui, vedi “Veltroni in versi e versacci“). Se milioni di persone ascoltano e ballano i tormentoni estivi non significa che quella sia musica di alta qualità. Se milioni di persone vanno a vedere i cinepanettoni non significa che siano capolavori della cinematografia. Se milioni di persone seguono telenovelas, fiction e reality non significa che siano spettacoli di alto livello. Se il numero fosse garanzia di qualità, dovremmo concludere, come scrisse qualcuno in rete molto tempo fa, che la merda deve essere squisita, perché miliardi di mosche non possono sbagliarsi.

Quantità e qualità non sono sinonimi, non sono intercambiabili, non si giustificano a vicenda. Sono concetti totalmente diversi, opposti e inconciliabili. La quantità va a scapito della qualità e la qualità non si accompagna mai alla quantità. Tante bugie non fanno una verità. Tanti idioti non fanno un genio. Si potrebbe continuare ad libitum su questa falsariga. Ma c’è una famosa battuta di Guido Clericetti che sintetizza il concetto: “Il 50% + 1 di imbecilli è una maggioranza; di imbecilli”. E finché il vecchio motto “panem et circenses” funziona per tenere buono il popolo ed obnubilare i cervelli, si va avanti così, fra rockstar, soubrettes smutandate e ciarlatani da fiera paesana che trattano la politica come fosse il mercato delle vacche. Vedendo i servizi entusiasti dei TG che mostrano una folla urlante di esagitati (e sentire i commenti intrisi di superlativi ed iperboli) si stenta a credere che si tratti di esseri umani; si ha l’impressione di assistere ad un reportage naturalistico sui primati. Ma le scimmie sono più simpatiche; e forse anche più intelligenti. Chi vuole intendere in tenda; gli altri in sacco a pelo.

Ormai questi eventi sono dei prodotti mediatici, costruiti secondo le più ciniche regole del mercato, con un unico scopo: realizzare profitti. Ed i media sono responsabili di questo stravolgimento dei valori anche del mondo dello spettacolo. Ecco perché i media hanno una grandissima parte di responsabilità nel crescente degrado culturale e morale della società. Sono i primi e più importanti veicoli di diffusione del principio del ” Non valore“, grazie al quale ciò che conta non è l’effettivo valore  qualitativo di un prodotto, ma il suo valore commerciale. Abbiamo sostituito la morale con il tornaconto economico, la cultura con il copia/incolla, i maestri con Google e la TV, e conta più il contenitore del contenuto.

Ecco perché i media esaltano fenomeni da baraccone e ne fanno dei modelli da imitare.  Per nascondere il fallimento della politica, la mediocrità eletta a sistema, il marciume e la corruzione di una classe dirigente inadeguata e l’inconsistenza culturale e morale delle ultime generazioni prive di valori e riferimenti, e di un’intera società allo sbando che corre incoscientemente verso l’autodistruzione. Ed il mezzo più pericoloso di tutti è la televisione, la cattedra mediatica dalla quale, 24 ore su 24, i nuovi maestri dispensano il nuovo verbo ed inculcano nel popolo i principi del pensiero unico di regime.

Sono riusciti a farlo anche in occasione di un concerto pop. Infatti hanno chiamato un “bravo conduttore”, Paolo Bonolis, a commentare il concerto. Non l’ho visto nemmeno per sbaglio, ma ho letto che questa curiosa innovazione ha suscitato molte polemiche (Modena park, tutti contro Paolo Bonolis, pioggia di polemiche sul web).  Il vero responsabile, però, non è Bonolis, ma chi ha avuto la bizzarra idea di far commentare un concerto pop come se fosse una partita di calcio. Ora la TV si sente in dovere di spiegarvi anche le canzonette. Come dire, cari italiani, che i “maestri” catodici sono convinti di avere degli alunni completamente deficienti. Non c’è altra spiegazione. In televisione c’è gente convinta che i telespettatori siano stupidi e, quindi, abbiano sempre bisogno di qualcuno che gli spieghi cosa stanno guardando. La realtà mostrata dalla TV ha bisogno delle didascalie o di un conduttore, cronista, commentatore, opinionista, che illustri al pubblico ciò che vedono benissimo sullo schermo. Salvo casi particolari, questi commenti sono del tutto inutili perché un’immagine vale più di mille parole. Ma gli addetti ai lavori fingono di non saperlo perché con quel lavoro ci campano. Gli esempi li abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni. Ma pensare di commentare un concerto di musica pop è così surreale da diventare perfino divertente, se non fosse invece molto fastidioso per chi l’ha seguito in TV.  Nessuno, però, fa meta-televisione e commenta i commenti dei commentatori. Così nessuno ci ha ancora spiegato perché in TV ci sono tanti idioti. Resta un mistero.

P.S.

Esempio, una canzone a caso, la prima che mi è venuta in mente: “Voce ‘e notte“, uno dei classici della canzone napoletana, che ha più di 100 anni, essendo stata scritta nel 1903. Questa è una splendida interpretazione di Francesca Schiavo con l’Orchestra italiana di Renzo Arbore. Vale più questa sola canzone di tutta la produzione dei Vasco Rossi e di tutti i rocker,  rapper, sfigati con piercing e tatuaggi e predicatori con la chitarra in circolazione. E andatevene a quel paese, Vasco, i fan e chi li segue, chi li ama e chi confonde la musica con i rumori gastrointestinali.

Video importato

YouTube Video

Fidelio pop e prima scaligera

di , 8 Dicembre 2014 18:53

Ancora una Prima della Scala in versione pop. Sembra che stia diventando una nuova moda. Ormai i registi non si accontentano più di mettere in scena l’opera così come si è sempre vista ed ammirata. No, bisogna inventarsi qualcosa di nuovo, dar prova di creatività, rivedere, adattare, modernizzare, interpretare in chiave sociale e politica e leggere l’opera alla luce dei temi di attualità.   Più che la musica, che passa quasi in secondo piano, conta la novità della messa in scena del regista creativo di turno. Così oggi, quando si va a teatro per assistere ad un’opera lirica, non ci si prepara a gustare la musica (che si conosce e, quindi, non è motivo di attesa o di sorpresa), ma ci si chiede cosa si inventeranno per “stupirci con effetti speciali“.

L’anno scorso fu la Traviata di Verdi ad aprire la stagione scaligera e sorprenderci per il suo adattamento in tempi moderni.  Quest’anno l’operazione “restyling” è toccata al Fidelio di Beethoven, opera rivista e corretta dalla creatività della regista inglese Deborah Warner; ambientato in una fabbrica dismessa, con interpreti in minigonna, felpe, tute da meccanico, secchi di plastica, stracci e spazzoloni in perfetto stile donna delle pulizie da spot pubblicitario che “ Comincio presto, finisco presto e di solito non pulisco il water“. Ecco, questo è il Fidelio visto dalla regista inglese Warner. Ma le recensioni sono entusiaste. Basta leggere cosa scrive l’ANSA (“Scala: successo per Fidelio, dodici minuti di applausi“).

Naturalmente, grande risalto alla presenza di illustri personaggi del mondo della politica, dell’economia e dello spettacolo che non mancano mai alla Prima della Scala perché è un evento mondano al quale non si può mancare. Ma tutti faranno finta di esserci perché appassionati melomani e grandi intenditori di musica e di opera lirica in particolare. Ecco, per esempio, come commenta il Fidelio il presidente del Senato Pietro Grasso: “Sono rimasto entusiasta e piacevolmente sorpreso; il Fidelio a cui abbiamo assistito è un’opera di un’attualità straordinaria. Sono attuali i temi trattati, temi come quelli della legalità, della cultura, della donna e dell’amore coniugale.”. Chiaro, Beethoven ha scritto il Fidelio per trattare i temi della legalità e della donna (una specie di manifesto femminista ante litteram).

Altri commentatori, intervistati in diretta prima dell’inizio e durante l’intervallo,  hanno visto nell’opera il riferimento all’ingiustizia di chi viene carcerato ingiustamente, al problema delle carceri (l’opera è stata trasmessa in diretta anche a San Vittore), alla giustizia che trionfa, al sacrificio di una donna che affronta il pericolo per salvare l’uomo che ama.

Insomma, c’è spazio per tutte le interpretazioni, purché siano in chiave politica, sociale e viste alla luce dei temi di attualità.  La regista Warner, intervistata in diretta, ha accennato perfino ad un parallelo tra la vicenda del Fidelio e la grave situazione dell’Ucraina e della Palestina. Lasciamo ai più informati ed attenti cercare di scoprire il nesso tra Fidelio e l’Ucraina. Ma sentendo tutte queste dotte ed “impegnate” letture culturali sulle quali si può essere d’accordo o meno e sulle quali si potrebbe discutere a lungo, considerato che l’opera lirica è fondamentalmente, soprattutto ed in primis, un’opera musicale, verrebbe spontaneo chiedere a questi signori: tutto bene, ma…e la musica? Oppure la musica è un fatto secondario, accessorio, marginale? Misteri del melodramma.

Ora, ognuno è libero di avere una sua opinione. Non starò a dire e ripetere cose già dette. Per questa edizione del Fidelio vale quanto dissi già in occasione della Prima scaligera dello scorso anno a proposito della Traviata. Si può leggere qui: “La Traviata di Fantozzi“.

Solo una riflessione generale. L’opera lirica è un’opera d’arte compiuta, collocata ed ambientata in un preciso luogo e momento storico, come un quadro, una scultura, una poesia, una sinfonia, una tragedia di Sofocle, un valzer di Chopin; non la si può modificare secondo le paturnie intellettualoidi del regista di turno in cerca di gloria (e con velleità artistiche represse). Non è una specie di “Work in progress” in cui tutti sono autorizzati a metterci le mani e fare modifiche a proprio piacimento e secondo la moda del momento. A nessuno sano di mente verrebbe in mente di correggere le opere d’arte del passato per adeguarle al presente. Sarebbe un oltraggio ed un reato punibile penalmente. Come mai sull’opera lirica, invece, tutti si sentono autorizzati ad intervenire per attualizzarla?

Una regista che dà questa rappresentazione dell’opera, adattata in tempi moderni, con fabbriche dismesse, secchi, spazzoloni, e felpe, dovrebbe essere inquisita e condannata: come quel pazzo che diede una martellata alla pietà di Michelangelo e come tutti quei criminali che deturpano o rovinano opere d’arte. Ma ormai la gente, plagiata da decenni di propaganda ideologica di pseudo intellettuali ed artisti (e dai loro editori, mercanti e manager) il cui unico scopo è quello di distruggere tutto ciò che rimanda al passato, a criteri e principi consolidati ed alla cultura fondante della nostra società,  ha perso completamente il senso del limite, del buon gusto, dell’arte, dell’estetica e dell’etica.

Così, frastornata ed in preda alla più totale confusione, non distingue più l’arte dalle sue mille mistificazioni create ad uso e consumo di critici e mercanti che su questa confusione ci campano. Il risultato è l’ennesimo scempio di un’opera d’arte. Il tutto salutato da 12 minuti di applausi finali da parte di un pubblico che, se venisse presentato da un regista alla moda, applaudirebbe anche il raglio di un asino, scambiandolo per performance e creatività artistica. Auguri.

Pane, sesso e violenza

di , 19 Settembre 2014 14:14

Il richiamo sessuale, in tutte le sue forme,  nella nostra società è talmente pervasivo che ce lo ritroviamo dappertutto; su stampa, internet, televisione, cinema, manifesti stradali, pubblicità, ad ogni ora del giorno, in tutte le salse, tutte le variazioni e per tutti i gusti. Sesso a colazione, a pranzo e a cena. Già da tempo è diventato l’ingrediente primo e più importante della comunicazione, dello spettacolo, dei media, della letteratura, del gossip, delle cento riviste da spiaggia o da salone parrucchiera, degli esperti di costume e società, degli psicologi  e degli opinionisti tuttologi che dilagano nei salotti televisivi.

L’esempio più eclatante dell’uso mediatico del richiamo erotico come specchietto per le allodole e per altri “uccelli” stanziali, ce lo offre continuamente la pubblicità.  Non c’è prodotto che non usi, per attirare l’attenzione, un corpo di donna o un’atmosfera sensuale. Il corpo nudo  è come il grigio; va su tutto. Ma ormai l’uso del nudo è talmente diffuso che anche sui quotidiani lo si usa per illustrare articoli di vario genere. Questa a lato è l’esempio di come venga usato il corpo femminile. E’ l’immagine di un articolo apparso sul Giornale qualche tempo fa e dedicato all’uscita di un nuovo modello di Walkman. Beh, guardando bene con attenzione (ma non distraetevi), oltre alla bella ragazza in bikini, forse, si vede “anche” il Walkman!

Su questo eccesso di nudi, tette e culi in bella esposizione, si era espresso anni fa anche un illustre premio Nobel per la letteratura, Mario Vargas Llosa, in un articolo apparso su El Pais e ripreso dalla Stampa. Ne parlavo già in un post di sette anni fa “Varie ed eventuali“, a proposito dell’eccesso di nudità sui media e sulle Mail a luci rosse. L’articolo di Vargas Llosa (che non può essere certo considerato un vecchio bacucco bacchettone e moralista) è chiarissimo ed è un preciso atto d’accusa nei confronti della strumentalizzazione del corpo femminile sui mezzi di comunicazione. Vale la pena di leggerlo: “Troppe T.e C. Nell’Occidente i mass media  rinunciano a informare e criticare: preferiscono divertire con il gossip.”.

Perfino umorismo e satira fanno del sesso l’argomento più sfruttato che si presta ad allusioni, battute, barzellette e storielle piccanti buone per tutte le circostanze. Non c’è comico che non abbia in repertorio un’ampia scorta di storielle a sfondo sessuale.  Anni fa in televisione, nel programma “La sai l’ultima?”, si esibivano comici dilettanti che raccontavano barzellette. Su dieci barzellette otto erano di argomento sessuale. Sembra quasi che non si possa nemmeno ridere se non si parla di sesso. Il tema sessuale è così diffuso e sfruttato che l’umorismo di certi “comici” diventa monotematico, sessomaniacale. Classico esempio è la Littizzetto il cui bagaglio umoristico nasce e si esaurisce sempre a livello di genitali. Gira e rigira, da qualunque argomento parta arriva sempre lì, a livello slip. E’ quello che a ragione si può ben definire, letteralmente, un umorismo del cazzo. Ma naturalmente non è la sola; anzi, è in buona compagnia.

Il mondo dello spettacolo è quello più all’avanguardia nella diffusione del messaggio sessuale. Ed essendo quello più seguito dai giovani è anche quello più incisivo e pericoloso. Basta pensare ai concerti pop dove ormai la musica passa in secondo piano. Il vero spettacolo di questi concerti seguitissimi dai giovani  non è l’esibizione musicale, ma le invenzioni di scena, le luci, il fumo, i costumi sempre più succinti e provocanti, le coreografie ed i movimenti con esplicite simulazioni di atti sessuali. Il successo di queste nuove glorie della musica pop non si misura più sulle qualità canore, ma sulla capacità di scandalizzare il pubblico. Negli anni ’60 i movimenti giovanili, i figli dei fiori, gli hippies, i seguaci dell’amore libero, delle comuni e di tante stronzate finite nella spazzatura, avevano un motto: “Sesso, droga e rock’n roll“. Erano illusi di cambiare il mondo con canzoni,  spinelli e qualche slogan che suonava bene nei cortei, ma non funzionava in privato. Peccato che molti siano morti troppo giovani e non abbiano avuto il tempo di capire quanto siano stati stronzi a gettare via la vita in cambio di un po’ di sesso, una siringa e quattro accordi distorti di una Fender.

Il messaggio sessuale lo si assimila fin dall’infanzia.  Le nuove generazioni stanno crescendo a pane e sesso (forse ai neonati, per abituarli gradualmente, sciolgono un po’ di sesso liofilizzato negli omogeneizzati). Tanto che, forse, il Padre nostro verrà modificato così: “Dacci oggi il nostro pane e sesso quotidiano“. Questo messaggio viene diffuso quotidianamente attraverso i nuovi mezzi di comunicazione di massa, sempre più potenti, che garantiscono una penetrazione capillare nella società. Non c’è scampo, ovunque ti rigiri, dalla stampa a internet, dalla televisione ai manifesti stradali,  c’è un’immagine o uno slogan di carattere erotico. La comunicazione, in tutte le sue forme, ha assunto un potere determinante capace di influenzare la cultura, lo stile di vita, l’abbigliamento, l’alimentazione, i gusti artistici, i rapporti sociali e, dulcis in fundo, anche le abitudini sessuali. E non stiamo parlando di pornografia su riviste specializzate, siti e chat erotiche o cinema a luci rosse. Parliamo della presenza del messaggio erotico sui media normali a portata di tutti, compresi bambini.

 Il messaggio più diffuso, esplicito o nascosto, che permea la società moderna è  una specie di continua, assillante, campagna pubblicitaria per l’esaltazione e la promozione dell’attività sessuale. Come se un unico slogan venga diffuso continuamente su radio e TV, giornali e internet: scopate, scopate, scopate. Forse hanno paura che la gente se ne dimentichi; meglio ricordarglielo. Ma ragazzi e adolescenti, già in preda alla tempesta ormonale, non hanno certo bisogno di ulteriori stimoli per  scoprire il sesso o di qualcuno che glielo ricordi. Così, incoraggiati da tanta pubblicità e da onnipresenti messaggi erotici, oggi cominciano presto a fare le prime esperienze. Già a 13/14 anni, riferiscono le cronache, cominciano a scambiare su internet messaggini e foto  a carattere erotico. Passare dalla teoria alla pratica e dal virtuale al reale è solo questione di (poco) tempo.

I mezzi di comunicazione hanno una funzione essenziale nel condizionare la società. Possono creare idoli e modelli da imitare, stili di vita, abitudini, comportamento  e modificare i valori  morali. Tre sono gli argomenti che da sempre costituiscono i pilastri della comunicazione, le famose “Tre S“: sesso, sangue, soldi. Ma c’è un altro aspetto, non meno importante, dell’uso spregiudicato dei mass media. Oltre a diffondere il verbo della più completa libertà sessuale, perseguono un altro scopo: incentivare i consumi con l’offerta di sempre nuovi prodotti.

La moderna società dei consumi ha un fine preciso, che è la ragione stessa della sua sopravvivenza; creare continuamente nuovi bisogni da appagare con l’offerta di  nuovi prodotti che, grazie alla pubblicità martellante, diventano subito oggetto del desiderio e accessori irrinunciabili. Ma per acquistarli occorrono i soldi.  E poiché, da sempre, la mercificazione del sesso è una fonte di reddito, l’abbinamento fra soldi e sesso (come mezzo per procurarseli) porta diritti dritti alla prostituzione. Quella da viale di periferia, quella dei centri massaggi, quella delle inserzioni su giornali o in rete, quella che si consuma  a casa propria, quella delle escort, quella praticata come normale attività lavorativa o quella saltuaria o occasionale, giusto per togliersi un capriccio, per il gusto della trasgressione o per farsi un regalo costoso. Insomma, i motivi per prostituirsi  non mancano.

Purtroppo, in una società improntata al più sfrenato edonismo ed alla massima soddisfazione dei desideri a qualunque costo, anche le adolescenti scoprono presto che fare sesso non è solo un’esperienza piacevole da fare con il fidanzatino di turno. Può essere anche un’attività redditizia per integrare la “paghetta“. E così si comincia quasi per gioco a prostituirsi (come il recente caso delle “baby squillo“ dei Parioli). E siccome il giochino rende bene, si prosegue facendone un’attività regolare.  Il sesso, ormai liberato da tutti i tabù del passato, è diventato un atto del tutto normale, come mangiare un panino, bere una birra o fumare uno spinello. Così “normale” che sono sempre più frequenti i casi, riportati dalla cronaca, di coppie che fanno sesso in pubblico, in strada, in macchina, nei parchi, alla luce del sole.

Ma, così banalizzato e senza più limiti, remore  e riserve di carattere morale, perde qualunque significato e si finisce per fare sesso anche per un regalino o per una ricarica telefonica.  Un altro caso che di recente ha fatto scalpore è stato scoprire che in alcune scuole private di Milano (ma poi si è scoperto che succede anche a Roma ed in altre città) le ragazze, “di buona famiglia“, concedono abitualmente prestazioni sessuali varie ai compagni di scuola (ma è pensabile che forniscano il servizio anche fuori dalla scuola), secondo un preciso tariffario. Basta un sms; si sceglie la prestazione da un “menu“, si concorda il compenso, che può essere in soldi o in regalini,  e ci si ritrova nel bagno della scuola per la “consumazione“.  E’ come ordinare una pizza. Le chiamano “ragazze doccia“, perché lo fanno tutti i giorni, come la doccia.

Ma questa “prostituzione” non è in uso solo nelle scuole. Sta diventando una cosa del tutto normale. Lo si fa ovunque sia possibile. Nelle discoteche, per esempio, pare sia del tutto normale ritrovarsi nei bagni per fare sesso. Alcune lo fanno dietro compenso,  ma altre lo fanno anche solo per il gusto di farlo. Sembra che fra le adolescenti che frequentano le discoteche sia molto in voga un gioco, una gara, che consiste nel fare sesso orale nei bagni con più ragazzi possibile.  A fine serata vince quella che ha fatto più pompini… pardon, rapporti orali. In questo pezzo del Fatto Quotidiano si spiega molto bene cosa è il sesso per le adolescenti e come viene praticato (specie a scuola e nelle discoteche): “Sesso a 14 anni; se non ti fai sverginare sei una sfigata.”. Dovrebbero leggerlo molte di quelle mamme che sono ferme a Biancaneve, Cenerentola, Piccole donne e pensano che le loro ingenue “bambine“ a 13 o 14 anni vivano nel mondo delle favole. Ma il sesso, anche senza sconfinare nella prostituzione vera e propria,  è molto diffuso come merce di scambio. Può garantire successo, miglioramenti retributivi, avanzamenti di carriera, regali costosi, gioielli, successo nel mondo dello spettacolo. Insomma, il sesso è un’arma potentissima e le donne sanno benissimo come usarlo.

Ma quali sono i riscontri sociali di tanta foga erotica e tanta esposizione mediatica dei richiami sessuali?  Possiamo vederlo ogni giorno nella cronaca; violenza, stupri, prostituzione minorile, adescamenti in rete, pedofilia, tradimento come terapia di coppia in crisi, esaltazione della trasgressione e dei rapporti gay, lesbo, trans, bisex con tutte le possibili variazioni. Il vecchio ”Famolo strano” di Verdone è ormai sorpassato, banale, sostituito dal sesso creativo dove  la fantasia non ha più limiti. Il risultato eccolo qui, sintetizzato in questi titoli di apertura del quotidiano L’Unione sarda di due giorni fa…

Esattamente così come riportato in questo screenshot. La prima notizia in apertura è quella del prof che fa sesso con le alunne in cambio di buoni voti. Subito sotto un ex sacrestano condannato per molestie ad u n ragazzino. E per finire in bellezza l’arresto di due persone che abusano di due sorelline che abitualmente assistevano ai rapporti sessuali della madre con gli amici “clienti”. Rassicurante, vero? E non si tratta di fatti isolati. No, purtroppo sono diventati la norma. Non passa giorno che in cronaca non ci siano fatti del genere. E se non bastassero i quotidiani, c’è la televisione che ogni giorno, a tutte le ore,  mostra scene di violenza, possibilmente col morto ed il sangue in primo piano. E quando non bastano film, telefilm, fiction, tutti di genere poliziesco, horror, guerra, disordini, catastrofismi assortiti, si fanno dei programmi speciali dove, tanto per cambiare, si parla di cronaca nera, di delitti e morti ammazzati. La televisione è una specie di università della violenza e del sesso.  E nessuno sembra preoccuparsi dell’influenza negativa che questi programmi possono avere sui bambini, sulla mente di soggetti deboli e persone particolarmente sensibili. Alcuni anni fa ad Olbia dei ragazzini fra gli 11 ed i 13 anni abusarono ripetutamente, anche in gruppo, di una bambina di 9 anni.  Ai carabinieri che li interrogavano, dissero che lo avevano fatto perché “lo avevano visto in televisione“. E’ abbastanza chiaro o bisogna fare il disegnino?

Se al sesso in tutte le salse aggiungiamo il continuo aumento del consumo di droghe di ogni genere e  la quotidiana dose di violenza che ci propinano le reti televisive ad ogni ora del giorno, otteniamo una miscela devastante per la salute mentale di giovani e meno giovani. I media hanno bisogno di  mostri da sbattere in prima pagina per vendere più copie o per accrescere l’audience in TV. E quindi questi mostri li creano, attraverso la somministrazione quotidiana di scene di violenza. I media (in primis la televisione) sono diventati, più o meno inconsciamente,  una fabbrica di mostri; è un mondo che si autoalimenta. Stanno generando una società di nevrotici, stressati, ansiosi, pazzi furiosi e aspiranti pazzi, alimentando l’aggressività, la confusione mentale, un mondo di maniaci sessuali e di potenziali stupratori e assassini. La gente sta impazzendo, ma siccome la pazzia è generale, non se ne rende conto. E siccome sesso e violenza creano dipendenza, come alcol, fumo e droga, ormai non se ne può fare a meno. Abbiamo bisogno della nostra dose quotidiana di “pane, sesso, droga  e violenza“.

Siamo sicuri che questo sia un mondo normale? Siamo sicuri che tutta questa continua ed esasperata esposizione di richiami sessuali attraverso stampa, internet, cinema, televisione, pubblicità, letteratura, non sia in qualche modo responsabile dello scatenarsi di una forma di vera e propria maniacalità sessuale? Siamo sicuri che la violenza in tutte le salse che ogni giorno ci viene propinata attraverso giornali, cinema e Tv non sia responsabile dell’esplosione di atti violenti in soggetti particolarmente sensibile e dall’equilibrio psichico precario? Siamo sicuri che i media non influenzino l’opinione pubblica e diventino in qualche modo responsabili morali di stupri, violenze, femminicidi? Io ho qualche dubbio. Anzi, ad essere sincero, sono proprio convinto, come ripeto da anni, che i media abbiano una grande responsabilità nel generare aggressività  che sfocia, prima o poi, in violenza e tragedia.

E’ un argomento che tratto spesso perché sono convinto della responsabilità dei media.  Fra i tanti post, vedi “Morti di giornata“, in cui, a fondo pagina, ci sono i link ad altri articoli simili. E ancora un post del 2003 ”Notizie inutili“,  “Follie di giornata” del 2004,  ”Il Papa ha ragione” del 2009 e ancora due video con l’intervista a K.R. Popper sulla televisione cattiva maestra “Popper: TV e violenza“. Ma la gente sembra non rendersi conto della pericolosità dei messaggi che passano sui media. O forse non vogliono capirlo perché su sesso e violenza ci campano. In nome della libertà e del diritto di cronaca sui media passa tutto e di più, senza controlli, senza riserve e senza scrupoli. Ma prima o poi, se non si pone rimedio, ne pagheremo le conseguenze. Anzi, le stiamo già pagando ed anche molto salate.

A quanto pare, stiamo correndo incontro alla distruzione, incuranti del pericolo. Giorno per giorno stiamo minando le fondamenta della società, la stiamo smantellando, ne intacchiamo i pilastri portanti, creiamo i presupposto per il totale dissolvimento. Così come dalla carne in putrefazione nascono i vermi, da una società decadente, corrotta, amorale e depravata nascono i germi di una malattia letale che porterà al completo degrado ed all’autodistruzione.  Al nostro confronto Sodoma e Gomorra sono simboli di sobrietà e morigeratezza di costumi. Ma forse questa fine è già scritta nel destino dell’umanità. Dopo il diluvio universale Dio promise a Noè che non avrebbe più distrutto l’umanità. Ha mantenuto la promessa. Ma non c’è bisogno di un intervento divino e di un altro diluvio; l’uomo si sta distruggendo da solo. E non manca molto alla fine. Per i credenti la fine dei tempi ha un nome: Armageddon.   I non credenti possono chiamarla semplicemente follia umana.

Cultura pop e asini saggi

di , 19 Giugno 2014 21:39

La cultura era una cosa seria, una volta. Gli uomini di cultura erano riveriti, rispettati, portati ad esempio e la loro opinione, su qualunque argomento, era tenuta in grande considerazione. Il simbolo dell’uomo di cultura poteva essere lo studioso, lo scienziato, il professore, specie se di lettere classiche. “So parlare di greco e di latino, e scrivo e scrivo e ho molte altre virtù...”, diceva di se stesso Carducci nell’ode Davanti San Guido.  Era l’emblema del dotto, del sapiente, dell’uomo “di cultura“. Ma i tempi cambiano e cambia anche il concetto di cultura. Ne parlavo nel post “La truffa culturale“.

Ma non divaghiamo. Facciamo un esempio pratico di come, in tempi di internet, di globalizzazione, di informazione in tempo reale e di cultura di massa, il concetto di cultura sia mutato, mettendo a dura prova le nostre conoscenze ed i riferimenti storici. Oggi nel sito dell’Ansa (la nostra maggiore agenzia di informazione), dopo uno sguardo alle news di prima pagina, ho voluto vedere, per curiosità, cosa poteva esserci nella “sezione Cultura“. Beh, almeno lì ci sarà qualcosa di diverso dal  solito bollettino delle disgrazie e del repertorio di notizie “usa e getta“.  Ma non mi aspetto niente di nuovo, ho già visto in passato cosa finisce in quella sezione. Ed ecco cosa trovo in testa alla pagina come notizie di apertura, evidenziate come “Primo piano“, quindi notizie di primaria importanza nel campo della cultura.

Ecco le news più importanti della giornata: la salute di Jovanotti, l’annuncio di un nuovo album (per carità cristiana evito i commenti) e Pino Daniele che si sente erede di Carosone. Povero Carducci, oggi finirebbe al massimo tra le flash news, quelle che scorrono in una finestrella laterale e scompaiono subito dalla Home. Oggi la cultura è Jovanotti. Né cambia tenore il resto della pagina. Gran parte delle notizie, sia al centro che nella colonna a lato, sono dedicate di solito alla musica pop, alle novità editoriali ed alle stravaganze e bizzarrie dei nuovi modelli culturali. Tanto vale leggere Sorrisi e canzoni.

Appena sotto le importantissime notizie di “Primo piano” su Daniele e Jovanotti, c’è un altro box, in bella evidenza, questo a lato,  dedicato a “Marta sui tubi“. Ah, ecco, questa sì che è cultura: i tubi di Marta. Immagino che quelli che hanno già superato da un pezzo l’età della beata gioventù, si sentano un po’ spaesati e confusi di fronte a queste nuove categorie e paradigmi culturali. Se qualcuno ci avesse chiesto, da ragazzi, di citare degli esempi di cultura, mai e poi mai avremmo pensato, neppure per sbaglio, di parlare di Rita Pavone, Little Tony o Piero Focaccia. E neppure Carosone, nonostante fosse bravo e simpatico. Potevano piacere o non piacere, ma erano puro intrattenimento. La cultura era altro. Oggi, invece, i riferimenti sono Jovanotti e Marta sui tubi. Metteteli nella sezione “Musica” o “Spettacoli”. Ma cosa c’entrano i tubi di Marta con la cultura?  Viene spontaneo pensare che questa sia una cultura del tubo! Altro che “so parlar di greco e di latino“. Questa è cultura da idraulici.

Ma oggi questa è la nuova cultura popolare. Niente di strano, quindi, che alla maturità del prossimo anno, la prova di italiano, invece che i versi di Quasimodo, proponga come traccia “Guarda mamma come mi diverto” oppure “Tu vo fa l’americano…” di Carosone o “Perché la domenica mi lasci sempre sola per andare a vedere la partita di pallone..yé yé…“. Forse un calmante dovremo prenderlo noi, davanti a questo scempio. E tanto per finire ancora con Carducci, rilassiamoci un attimo  all’ombra dei “cipressi che a Bolgheri alti e schietti van da San Guido in duplice filar“, e per non farci prendere dallo sconforto, guardiamo a questa nuova cultura con l’atteggiamento, l’indifferenza e la saggezza dell’asin bigio che chiude l’ode e che, incurante del rumore della “vaporiera” non la degna di uno sguardo: “Ma un asin bigio, rosicchiando un cardo/rosso e turchino, non si scomodò: tutto quel chiasso ei non degnò d’un guardo/ e a brucar serio e lento seguitò“.

Anche questa cultura moderna, globalizzata e pop è come la vaporiera carducciana, tanto rumore per nulla. Tutto sommato, ha ragione l’asino.

Sanremo porta sfiga

di , 17 Febbraio 2013 12:13

Sì, il festival di Sanremo non porta bene. Anzi, porta decisamente sfiga. Tanto per cominciare, quasi in contemporanea con l’inizio del festival, si verifica un caso quasi unico nella storia millenaria della Chiesa: si è dimesso il Papa, cosa che non succedeva da secoli, dal tempo di Celestino V. Nello stesso giorno un fulmine colpisce la cupola di San Pietro.  A seguire una serie di strane coincidenze.

Era prevista la partecipazione di Daniel Baremboim e dei Ricchi e poveri come ospiti d’onore e di Carlo Verdone come componente della giuria. Hanno dovuto rinunciare tutti. Baremboim e Verdone per sopraggiunti problemi di salute, ed i Ricchi e poveri per l’improvvisa scomparsa di Alessio, figlio di Franco Gatti, componente del gruppo. Come se non bastasse, arriva un inaspettato meteorite che cade sugli Urali esplodendo e provocando 1.200 feriti ed ingentissimi danni. Nello stesso giorno l’asteroide 2012 DA 14 passa a circa 27.000 Km dalla Terra, sfiorandola pericolosamente. Basta? No, ecco l’ultimissima sciagura targata Sanremo 2013: terremoto di magnitudo 4,8 colpisce il Lazio.

Tutto questo nei pochi giorni di svolgimento del festival. Solo semplici coincidenze? No, decisamente l’abbinata Sanremo-Fazio/Littizzetto porta sfiga. Ragazzi, toccatevi le…qualcosa. E meno male che il festival è finito ieri sera.

E non è tutto. Proprio in questo momento apprendo dal Corriere un’altra tragedia: al festival ha vinto Marco Mengoni.  Ho sentito nei giorni scorsi la sua canzone. Se questa è la canzone più bella del festival, figuriamoci le altre. E se il ”ragazzo col ciuffo“, stile Little Toni, ha vinto…beh, allora tutto è possibile. Vuol dire che, Maya o non Maya,  siamo proprio arrivati alla fine del mondo.

Eppure, a sentire i media, è tutto un coro di voci entusiaste, di elogi sperticati per i conduttori, di esaltazione di canzoni e cantanti, di proclami di vittoria per i grandi ascolti (il festival è stato seguito da 13 milioni di spettatori). Come se il numero degli spettatori sia direttamente proporzionale alla qualità del programma; più un programma è seguito, più è di qualità. Bene, ammesso e non concesso che i grandi ascolti siano garanzia di qualità, bisogna ricordare un piccolo dettaglio, che ho rimarcato anche in passato a proposito dei grandi ascolti di Santoro: l’altra faccia della medaglia.

Dire che il festival è stato un grande successo perché seguito da 13 milioni di spettatori, significa dire che (la matematica non sbaglia), siccome gli italiani sono 60 milioni, ben 47 milioni di italiani non hanno guardato il festival. Ovvero, la stragrande maggioranza. E questo è un dato matematico, indiscutibile e che non si presta ad interpretazioni di sorta. Perché si conteggia solo e sempre il numero di coloro che seguono un programma e non il numero di coloro che non lo guardano? Misteri auditel!

Ora, la nostra società si basa su quel curioso principio (mai dimostrato, ma accettato come un assioma) che la maggioranza, in quanto tale, abbia diritto di prendere decisioni e amministrare la Res pubblica in nome della collettività (la verità è ciò che la maggioranza pensa sia vero). Il diritto della maggioranza a governare è un cardine del sistema democratico. Allora, nel nostro caso,  significa che per la maggioranza degli italiani, che non ha guardato Sanremo,  il festival è uno spettacolo inguardabile. E la maggioranza ha sempre ragione! Beh, questa è matematica e logica, mica è lo starnazzare degli opinionisti nei pollai televisivi pomeridiani. Anzi, questa  è la democrazia, bellezza!

Panorama Theme by Themocracy