Articoli corrispondenti al tag: meteo

Papa. parcheggi e onde

di , 20 Gennaio 2018 20:45

Una ne fa e cento ne pensa; instancabile, se non spara la sua cazzata fresca di giornata non è tranquillo. Non è che io ce l’ho con Bergoglio, è lui che ce l’ha con se stesso e con il mondo. Ha appena finito di dire che la fede bisogna insegnarla in dialetto (Papa e fede alla vaccinara) e mentre siamo ancora storditi da questa rivelazione e cerchiamo di ripassare le nostre reminiscenze dialettali per poter tramandare la fede ai posteri, ecco l’ultimissima: “Non esistono culture superiori o inferiori.”. Tutte le culture sarebbero uguali? Bergoglio, ma è sicuro di sentirsi bene? il discorso sarebbe lungo, ma vediamo di fare un esempio facile facile che capirebbe anche il sagrestano di Guamaggiore.

Nella foresta amazzonica, dove si trova ora, vivono delle tribù che non hanno mai avuto contatti con il resto del mondo. Si hanno solo alcune foto riprese dall’alto da un elicottero che, mentre sorvolava la foresta, ha individuato e fotografato alcuni indigeni vicino ad una grande capanna di rami e fogliame. Li chiamano “uomini rossi” perché hanno il corpo colorato con un pigmento rosso, ed usano lance e frecce con le quali cercavano di colpire gli intrusi su quella strana e minacciosa macchina volante: “Amazzonia, scoperta tribù di uomini rossi.”. Bergoglio, vuol dire che tra la cultura degli “uomini rossi” (ed altre simili, come quella dei tagliatori di teste del Borneo), rimasta a livelli primordiali, e quella occidentale evoluta nel corso di millenni che ha portato progresso culturale, artistico, sociale, morale, invenzioni, capolavori dell’arte, letteratura, musica, scoperte scientifiche che hanno consentito di mettere piede sulla Luna, non c’è differenza e non si può dire che la nostra sia superiore? Si fa fatica a crederlo, ma dice esattamente questo. Chi continua a mettere sullo stesso piano le diverse culture, negando differenze sostanziali ed il loro diverso valore è un idiota; che sia Papa o sagrestano.

 E siccome alle idiozie  non c’è limite, ecco l’altra cazzata del giorno partorita dalle menti geniali che ci governano: “Parcheggi; i ricchi paghino di più.”. C’è gente che si sveglia al mattino e comincia a pensare; questo è il guaio, il fatto che pensino, che pensino cazzate, siano convinti di avere delle idee geniali e le impongono ai cittadini. Perché far pagare il parcheggio uguale per tutti? Non è giusto, meglio farlo pagare in base al reddito; più guadagni più paghi. Tempo fa fecero la stessa proposta per le multe; volevano stabilire l’importo delle sanzioni non in base all’infrazione, ma in base al reddito di chi le commetteva. E c’è ancora chi parla di uguaglianza degli uomini e stabilisce questa uguaglianza addirittura nella Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo. Se Einstein diceva che la stupidità umana è infinita, forse aveva qualche motivo per pensarlo. Allora, se il criterio per stabilire i prezzi dei beni e servizi, non è il loro valore commerciale, ma la ricchezza di chi ne usufruisce, anche il pane, il caffè, il giornale, zucchine e carote, la pizza, non si pagheranno in base al prezzo di mercato, ma in base al reddito? Cari governanti, lasciate perdere la politica, non è roba per voi. Pensate a curarvi, avete chiarissimi sintomi di gravissime forme di psicopatologia. Curatevi, per il vostro bene; ed anche per il nostro.

Quando sento notizie di cataclismi naturali, terremoti, alluvioni, tsunami, attentati terroristici, resto sempre perplesso davanti alla sicurezza con cui i media forniscono, in tempo reale, i dati sulla gravità dell’evento, il numero delle vittime e l’importo dei danni. Ne ho parlato spesso in passato, anche per sottolineare errori e ridicoli dati forniti e sparati in prima pagina. Vedi “Corriere e terremoti” sul devastante terremoto che colpì il Cile nel 2015. O, ancora più divertente ed emblematico di come certi articoli siano scritti con i piedi, questo strano meteorite dalle dimensioni variabili “Meteoriti e Hiroshima” che cambia grandezza e potenza distruttiva secondo le testate che riportano la notizia. Storia vecchia quella dell’affidabilità della stampa. Ricordate il terremoto ed il successivo tsunami che devastò le Maldive nel Capodanno del 2004? I media facevano a gara a chi sparava numeri a pera. Allora scrissi questo: “Riepilogo (onda su onda). E siccome in tutti questi anni non è cambiato niente, pochi giorni fa una meteorina in TV annunciava forti venti sul Tirreno, burrasca e onde “alte 6 metri” (le avrà misurate lei?). Per fortuna, in questi giorni le onde si sono abbassate. Infatti ieri un quotidiano locale annunciava: “Sardegna, nuova allerta venti e mareggiate; onde alte 4 metri.“.

Ora, il vento lo possiamo misurare esattamente con gli anemometri, ma le onde?  Chi misura le onde? C’è qualcuno specializzato (con tanto di Master al MIT di Boston in misurazione delle onde marine) che sta in mezzo al mare con un’asta graduata e le misura tutte, una per una, e poi magari fa la media? Ma poi siamo sicuri che non ci freghi e invece che 4 metri siano alte solo 3 metri e 80 o siano alte 4 metri e 20? Bisogna essere precisi, perché, se devo uscire a pesca, anche 20 o 30 centimetri di differenza possono essere determinati per la sicurezza. No? Ed ecco che continuo a portarmi dietro questo dubbio: ma chi le misura le onde? Boh…

Tsunami e candele.

- Non ci sono più candele, arrangiatevi.

- La Luna nel segno del Leone.

- Morti e candele.

- Morti, candele e affari. 

- Morti, candele e…come apparire bbbuoniii.

Sì, ma chi misura le onde?

TG, edizione speciale

di , 26 Ottobre 2013 21:22

Normalmente le edizioni speciali dei TG sono riservate a fatti importanti; guerre, cataclismi naturali, tsunami, terremoti, attentati alle torri gemelle… Insomma, cose serie. Eppure mi piacerebbe che, una volta tanto, ci fosse una edizione speciale del TG dedicata ad un argomento che io considero importante. Mi spiego. Ci sono cose che non capisco, non ho mai capito e, forse, non capirò mai. Problemi seri, di quelli che ti accompagnano tutta la vita. Bene, uno di questi problemi riguarda la comunicazione, la televisione, i giornali, Internet, tutto quello che oggi va sotto il nome di Mass Media.

Sembrerebbe che i media siano lo specchio della realtà e, come tali, si occupino dei fatti più rilevanti, importanti del mondo. Insomma, le cose che contano davvero, quelle da mettere in prima pagina. Allora, se diamo uno sguardo a ciò che ci viene proposto quotidianamente da stampa e TV, dobbiamo concludere che le cose più importanti siano le dichiarazioni dei politici (quelli al Governo che parlano male dell’opposizione e quelli dell’opposizione che parlano male di quelli al Governo. Pareggio, 1-1 in schedina), il gossip, lo sport, i programmi di intrattenimento TV tipo reality, giochi a premi per tutti i gusti ed a tutte le ore, morti ammazzati freschi di giornata e, ovviamente, il tempo; emergenza caldo d’estate, emergenza maltempo in inverno, perché…non ci sono più le mezze stagioni.

Bene, questo è il punto. Io queste cose non le ho mai capite. Non capisco perché dovrei divertirmi a vedere i giochini tipo pacchi, malloppi, eredità e simili, e gioire se la signora Maria vince 100.000 euro. Non capisco perché dovrei trovare interessante vedere dei finti naufraghi su un’isola che litigano perché nella suddivisione del pasto a qualcuno sono toccati quattro fagioli in meno. Non capisco perché dovrei trovare interessante o divertente vedere un uomo, o presunto tale, che fa tanto il gradasso e poi scoppia in lacrime frignando come il più indisponente dei bambini viziati. Non capisco perché dovrei essere curioso di conoscere le vicissitudini amorose e sentimentali delle sculettanti divette TV, di pseudo artiste senza arte, né parte, in attesa di scrittura, di reduci da non so quale reality show e sapere esattamente con chi stiano scopando attualmente. Ci manca poco che facciano un programma speciale “Tutte le scopate minuto per minuto“.

Non capisco nemmeno perché dovrei trovare interessante sapere che tempo ha fatto oggi a Milano, Roma, Napoli, o alle isole Eolie, posto che se io sono di Milano so già che tempo ha fatto, e se invece sono di Trescagheras non può fregarmene di meno del tempo che ha fatto a Milano e nelle altre località. Non capisco perché devo essere informato di tutti i disgraziati incidenti che accadono nella penisola (e quando non ci sono incidenti da noi si vanno a scovare anche all’estero, perchè sembra essere un obbligo quello di rifilarci la disgrazia quotidiana)), posto che i familiari delle persone coinvolte sono già state avvertite ed agli altri poco gliene importa. Non capisco perché dovrei preoccuparmi dei rifiuti in Campania, visto che non se ne preoccupano i responsabili comunali, provinciali, regionali o chi per loro, ed io posso fare ben poco.

Non capisco perché dovrei preoccuparmi di risolvere gravi problemi di ogni genere, posto che ci sono dei signori pagati molto lautamente per risolvere gli stessi. Non capisco perché dovrebbe interessarmi e dovrei tenere il conto dei morti ammazzati, giorno per giorno. Troppe cose non capisco, e potrei continuare nel lungo elenco. Ma una cosa in particolare, nell’ambito dell’informazione, continua a lasciarmi perplesso e continuo a non capire. Una cosa che tutti i giorni, o quasi, trova ampio spazio nei vari TG ed in servizi speciali: lo sport, con particolare riferimento a motociclismo ed automobilismo. Non c’è giorno che non ci siano servizi sulle gare, dirette delle prove di qualificazione, dirette delle gare, interviste prima e dopo le gare, addetti ai lavori preoccupati dalla scelta delle gomme da usare (da asciutto o da bagnato ? That’s the question!), la pole position… oh, la Pole position!

Ecco il vero problema che assilla gli italiani. Non la finanziaria, il lavoro che non c’è o è precario, la difficoltà ad arrivare a fine mese, lo stress di una società nevrotica, le ingiustizie sociali, lo spreco delle risorse pubbliche, no… Il problema è la pole position! Ora, sarò sincero, con tutta la simpatia che può suscitare, ma io non ne posso più di vedere la faccia di Valentino Rossi, ogni giorno, di mattina, di sera, di notte…E basta! Mi verrebbe voglia di uscire di casa, bloccare il primo malcapitato passante ed urlargli in faccia: “Ma a te cosa te ne frega se Valentino Rossi è in pole position?” E quel malcapitato passante avrebbe tutte le ragioni del mondo per darmi del pazzo. Ma il pazzo non sono io, sono quei milioni di persone che non si pongono mai la domanda “Ma perché dovrebbe interessarmi la pole position della Ferrari o di Valentino Rossi?”.

Non ne posso più di pole position, di Rossi, della Ferrari,  della moviola, dei reality, dei giochini scemi, di pupe e secchioni, di isole che dovrebbero essere deserte e sono più affollate di un set a Cinecittà, di conduttrici che si sbracciano urlando come matte (e forse lo sono), di chi vi intima, minacciando chissà quali pene e torture “Restate con noi, non cambiate canale…”, di dive dello spettacolo che riconoscete solo dopo che vengono presentate con nome e cognome, perché le ricordavate in un modo, ma nell’ultimo anno si sono rifatte gli occhi, il naso, il mento, le sopraciglia, le gote, le labbra, le tette, il collo, le mani, il culo e perfino…le ginocchia! Ecchecazzo!

Fra un po’ le donne saranno come le auto; dovranno fare il tagliando dopo sei mesi e la revisione ogni 2 anni. E prima o poi faranno una legge sulla rottamazione. Alè…si versa la vecchia, ti danno il contributo e ti fai la donna nuova, ultimo modello, quella Euro 5, non inquinante e biodegradabile. Sì, sì, ridete pure; il riso fa buon sangue. Infatti adesso nei centri trasfusionali, quando manca il sangue, raccontano le barzellette. Non funziona, i pazienti muoiono lo stesso, ma muoiono…dalle risate. E’ già qualcosa, no?

Bene, tutte queste cose, e mille altre ancora io non le ho mai capite. Ma se continuano a rifilarci queste interessantissime notizie si presume che lo facciano perché sono convinti che alla gente interessi. E siccome anch’io sono “gente”, allora mi pongo la domanda: “Ma perché dovrebbe interessarmi?”. E non trovo risposta. E tutti i giorni, a tutte le ore, i conduttori dei vari TG, guardando fissi in camera con uno sguardo complice e compiaciuto, e consci del fondamentale contributo fornito al Paese, annunciano il servizio sullo sport, con l’aria di chi pensa “Lo so che tutti aspettano con ansia di sapere che gomme monterà la Ferrari e quale sarà la griglia di partenza…“.

E con la stessa incrollabile certezza, come se rivelassero la scoperta di una cura infallibile per il cancro, o che Obama e Bin Laden si sono ritrovati a cena ed hanno fatto pace, annunciano che oggi c’era pioggia a Milano, ma a Palermo c’era il sole e che questo è un autunno anomalo. Chissà se si chiederanno mai se, davanti a queste notizie, qualcuno potrebbe pensare “E chi se ne frega?“. Già, chi se ne frega della Ferrari, di Valentino Rossi, di Totti, del rigore che forse non c’era, della moviola, delle gomme da pioggia, della pole position e di tutte quelle stronzate fatte passare come importantissime notizie, come diritto di cronaca, come “informazione”.

Ecco perché mi piacerebbe che un giorno, accendendo la TV, potessi vedere apparire sullo schermo “TG1 – Edizione speciale (Tutto quello che non avete mai capito dei media e che non osate chiedere…). E che finalmente qualcuno mi spiegasse chiaramente perché cavolo dovrei interessarmi della “Pole position”. Temo, tuttavia, che resterà un desiderio inappagato. Nemmeno loro, gli addetti ai lavori, riuscirebbero a trovare una spiegazione plausibile e razionale. Già, ma loro ci campano…(27 settembre 2010)

Ciclone Giano

di , 24 Ottobre 2013 13:39

Leggendo le news Ansa, ieri sera, ho avuto una sorpresa. Questa…

Oddio, non avrei mai immaginato che un giorno sarei diventato un “Anticiclone“. Guarda tu cosa devi aspettarti dalla vita. Io pensavo di trascorrere questi giorni tranquillo a casa. Invece devo attraversare la penisola e portare nebbia al nord e caldo al sud. Non si può proprio restare in santa pace! Tutto perché, secondo una moda recente dei meteorologi, qualunque fenomeno atmosferico deve avere un suo nome proprio. Oggi si usa così. Anche se si tratta di una pioggerellina di marzo, bisogna battezzarla: arriva ”La pioggerellina Rosmunda“, arriva la “Nebbia Cunegonda“, arriva il “Temporale Venceslao“. In tempi di ossessiva ricerca di visibilità mediatica e di notorietà, anche le perturbazioni cercano di “farsi un nome“. Questa si chiama Giano!.

Per fortuna, secondo le previsioni, sono un anticiclone tranquillo e non farò danni. Anzi, porterò giornate di temperature miti al sud. Mi viene in mente, a proposito di meteo, un breve divertissement di qualche anno fa. Eccolo…

Domani è un altro giorno (27 luglio 2010)

Profonde riflessioni sulla caducità della condizione umana e sulla imperscrutabilità del futuro, con particolare riferimento alle previsioni meteorologiche sulla bassa padana, l’alto Lazio ed il medio Campidano; con divagazioni sull’insita carica anticonformista dell’anticiclone delle Azzorre, effetti collaterali degli ansiolitici nella terapia delle depressioni atmosferiche, l’uso corretto dello sfigmomanometro nel controllo dell’alta pressione e l’importanza dell’anemometro come unico strumento specifico che, incredibilmente, riesce a calcolare la velocità del vento dal giramento di palle.

Previsioni per oggi. Pioggia moggia a Foggia, neve lieve a Pieve. Molto teso l’arco alpino. Venti regolari da nord e quaranta clandestini da sud ( ma si fermano a Lampedusa). Mari mossi e terre ferme.

Un dubbio al giorno. Se lo Stretto di Messina è stretto, perché non lo allargano?

Domani è un altro giorno.

di , 27 Luglio 2010 11:33

Profonde riflessioni sulla caducità della condizione umana e sulla imperscrutabilità del futuro, con particolare riferimento alle previsioni meteorologiche sulla bassa padana, l’alto Lazio ed il medio Campidano; con divagazioni sull’insita carica anticonformista dell’anticiclone delle Azzorre, effetti collaterali degli ansiolitici nella terapia delle depressioni atmosferiche, l’uso corretto dello sfigmomanometro nel controllo dell’alta pressione e l’importanza dell’anemometro come unico strumento specifico che, incredibilmente, riesce a calcolare la velocità del vento dal giramento di palle.

Previsioni per oggi. Pioggia moggia a Foggia, neve lieve a Pieve. Molto teso l’arco alpino. Venti regolari da nord e quaranta clandestini da sud ( ma si fermano a Lampedusa). Mari mossi e terre ferme.

Un dubbio al giorno. Se lo stretto di Messina è stretto, perché non lo allargano?

 

Mi ricordo, sì io mi ricordo…

di , 26 Giugno 2005 10:44

A qualcuno potrebbe essere sfuggito, ma per fortuna ci sono i TG a ricordarci che…fa caldo! Si arriva, incredibile, a toccare i 35°, con umidità fino al 50%, e la protezione civile è già in stato di allerta: allarme medio alto. Roba che in alcuni Paesi africani, che vivono normalmente intorno ai 40/50°, stanno già organizzando dei voli charter per venire in Italia a "prendere un po’ di fresco"!

Prosegui la lettura 'Mi ricordo, sì io mi ricordo…'»

Il MIT e le previsioni del tempo…

di , 4 Giugno 2005 13:05

Due giovani ricercatrici del prestigioso MIT (Marmilla Institute of Tecnology) di Pompu, intente a scrutare l’orizzonte nell’ambito di uno specifico progetto di ricerca tendente ad accertare le basi scientifiche del famoso detto " Il buongiorno si vede dal mattino". Sarà un buona giornata? Così, a prima vista, sembrerebbe di sì.

Prosegui la lettura 'Il MIT e le previsioni del tempo…'»

Panorama Theme by Themocracy