Articoli corrispondenti al tag: cicoria

Intervista in slip

di , 14 Gennaio 2018 23:27

Barbara D’Urso intervista Silvio; “Berlusconi a Domenica live“. Niente di strano. Una domanda, però viene spontanea. Siccome non è la prima volta che si presenta in studio con questo “nude look” erotico e provocatorio che sembra fatto apposta per mostrare la patonza all’ospite di turno, Barbara D’Urso indossa un vestitino corto, oppure ha solo le mutandine? Ah, saperlo. Sembra che questo sia il look di serie in Tv. E’ una specie di gara a chi mostra più nudità. Ricordate la farfallina inguinale di Belen a Sanremo? Ha fatto scuola. Se vuoi avere successo devi andare in TV e mostrarti nuda, o quasi. Più sei nuda e più hai successo. Se però qualcuno, apprezzando la carica erotica, fa qualche timida avance o si azzarda in complimenti troppo insistenti, diciamo che “ci prova”, scatta l’accusa di molestie sessuali. Oh, poverine, le nostre innocenti educande verginelle santarelline che mostrano la patonza in mondovisione, ma guai a provarci; siete maniaci. “Ma mi faccia il piacere…“, direbbe Totò.

Cani e padroni.

Questi personaggi del mondo mediatico gossiparo dello spettacolo (senza aggettivi; rischio censura) devono sfruttare tutto, ma proprio tutto, pur di finire in prima pagina. Chi racconta le corna, i tradimenti, le prodezze sessuali, chi annuncia le proprie malattie (meglio se cancro, tumore, Sla; fanno più notizia) e chi annuncia la morte del cane, come se fosse una tragedia nazionale. E tutto finisce in prima pagina, anche la morte del cane di Antonella Clerici: “Sei stato il mio primo figlio.“. Questa poi è l’emblema dell’insulsaggine di certi Vip o presunti tali. Ridicoli. E qualcuno pensa ancora di vivere in un mondo normale?

Vedi:

- Donne e tacchi.

- Lirica kitsch

- Musica e tagliatelle.

- Le tette di Antonella.

Attenti alla cicoria.

Una volta anche i bambini riconoscevano le specie commestibili; la cicoria in primis, che era molto diffusa in campagna. Se la gente non riconosce più nemmeno la cicoria (e la scambia con la mandragora), significa che stiamo perdendo anche gli ultimi residui di conoscenza empirica maturata in secoli e secoli di esperienza dei nostri antenati. Quella “cultura contadina” che ha consentito all’umanità di sopravvivere, quella che abbiamo assimilato fin da piccoli, quella che ci consentiva di riconoscere i valori concreti e reali, di avere un rapporto simbiotico con la natura, con gli animali, la terra, quella che è la caratteristica prima della nostra identità. Tutto questo lo stiamo abbandonando, per sostituirlo con un mondo virtuale, con la rete, i social, le App buone per tutte le occasioni.  Stiamo abbandonando la realtà per sostituirla con la sua rappresentazione virtuale. Così, per riconoscere la cicoria, dobbiamo scaricare un’apposita App.  Auguri.

Panorama Theme by Themocracy