Articoli corrispondenti al tag: arabi

Ronde moderne

di , 1 Luglio 2016 20:08

Una volta si cantava “A mezzanotte va la ronda del piacere…”. Altri tempi e altre ronde. Oggi le ronde non le fanno  ”laggiù nell’Arizona, terra di sogni e di chimere…“. Oggi le fanno a Prato, dove non c’è il bandolero stanco sul suo cavallo bianco, ma i cinesi incazzati.

Ecco la notizia di oggi (Ronde cinesi contro i migranti africani): ” Organizzavano ronde, vere e proprie spedizioni punitive contro cittadini extracomunitari, in prevalenza nordafricani, ritenuti responsabili di aggressioni, furti e rapine nei confronti di propri connazionali cinesi”. Ci mancavano solo i cinesi. Gli inquirenti hanno denunciato l’alta pericolosità di queste ronde cinesi; pare che non siano ronde originali, ma ronde  taroccate “Made in China” e contengano sostanze tossiche e potenzialmente cancerogene.

Tempo fa alcuni cittadini, stanchi di subire furti, rapine, minacce, aggressioni e violenze da parte di bande di stranieri, che ormai controllano intere zone e quartieri metropolitani, decisero di fare delle ronde notturne per sorvegliare la città. Le anime belle della sinistra, i cattocomunisti ed i buonisti ipocriti terzomondisti li accusarono di xenofobia, razzismo e squadrismo fascista; e dovettero rinunciare. Adesso però si muovono i cinesi che, stanchi di subire le stesse angherie da parte di bande di immigrati, organizzano ronde contro gli africani. Poi forse gli africani, per reazione, faranno le ronde contro i cinesi. Poi, cinesi e africani, stanchi di farsi la guerra a vicenda, organizzeranno delle ronde afro/cinesi contro gli arabi. Poi, tutti insieme, stanchi di essere sempre sotto osservazione e sotto accusa, faranno le ronde afro-arabo-cinesi contro gli italiani xenofobi e razzisti che si rifiutano di comprare le loro cianfrusaglie taroccate.

Poi anche gli italiani, stanchi di subire le malefatte delle bande di delinquenti stranieri, si decideranno a mandare al diavolo i buonisti ipocriti, e faranno le ronde contro gli afro-arabo-asiatici. Ma sarà troppo tardi, perché l’Italia sarà ormai invasa e gli italiani,  ormai in minoranza, saranno emarginati e discriminati. Ma nessuno li tutelerà, perché le leggi anti discriminazione saranno state abrogate dalla sharia ormai diventata legge di Stato.  L’unica possibilità di scampo sarà emigrare, magari in Arizona dove “se una chitarra suona, cantano mille capinere“.

Se però, dopo un po’ di tempo e qualche avventura con capinere esotiche,  avrete una forte nostalgia della “Patria sì bella e perduta…” e, invece di cantare il Tango delle capinere, vi scappa di cantare “Va, pensiero, sull’ali dorate; va, ti posa sui clivi, sui colli…”, c’è ancora un’altra possibilità: tornare in Italia clandestinamente, magari su un gommone o una barchetta sgangherata, chiamare la guardia costiera che correrà a salvarvi, dichiarare che scappate dalla guerra, e  farvi  ospitare gratis in albergo come migranti e richiedenti asilo.  Provare non costa niente; magari funziona.

Video importato

YouTube Video

Panorama Theme by Themocracy