Fine del mondo

di , 19 Ottobre 2017 02:22

Il catastrofismo va di moda. Non passa giorno che qualcuno non ci ricordi che la Terra è in pericolo e con essa anche l’umanità rischia l’estinzione. Le cause vanno dall’aumento di CO2, alla deforestazione, all’aumento della temperatura del pianeta, allo scioglimento dei ghiacci polari, inquinamento atmosferico, impatto con meteoriti vaganti, virus sconosciuti, guerra nucleare, etc. Il repertorio di cataclismi è vasto. Ma ogni tanto se ne aggiunge uno nuovo. Ecco l’ultima scoperta: “Molluschi; così i loro peti contribuiscono al riscaldamento globale“. Lo hanno accertato, dopo chissà quali approfonditi studi, gli scienziati delle università di Cardiff e Stoccolma (me cojoni). Questa ci mancava; i peti delle arselle!

Ecco cosa hanno accertato: “I due gas prodotti, che vengono emessi dai molluschi in forma di flatulenza a causa dei batteri presenti nel loro intestino, sono rispettivamente 28 e 265 volte più potenti della CO2. In soldoni, l’equivalente della quantità di gas prodotta da circa 20mila bovini.”.

Chiaro? Il mondo si estinguerà per colpa dei peti dei molluschi. Questa è quella che fanno passare per informazione e divulgazione scientifica. Immagino che, dopo questa sconvolgente notizia, il Parlamento europeo inventerà qualche nuova norma per limitare le scoregge delle arselle. E c’è ancora chi pensa che questo sia un mondo serio.

10 commenti a “Fine del mondo”

  1. Giano scrive:

    Ciao Mary, diciamo che potrebbe andare meglio. Cinque anni fa ho avuto un linfoma non Hodgkin; due mesi in reparto oncologico, chemioterapia, cure, controlli periodici e dopo 5 anni sembrerebbe superato. Ma tanto per non annoiarmi due mesi fa ho avuto una improvvisa difficoltà all’uso della mano sinistra; emiparesi facciale. Ricovero di dieci giorni in neurochirurgia ed intervento per l’asportazione di un tumore che comprimeva il cervello e provocava effetti come la ridotta sensibilità della mano e difficoltà nel coordinamento dei gesti. L’intervento è riuscito, ma non basta; ora devo sottopormi a radioterapia per circa 4 o 6 settimane. E poi ancora chemioterapia, tramite compresse, da fare a casa. Insomma, che dire, potrebbe andare meglio. No? Vediamo, vediamo cosa ci riserva il futuro. Comunque, sarò incosciente, ma non mi preoccupo più di tanto. Prima o poi la vita trova qualche pretesto per farla finita. E noi possiamo fare ben poco per evitarlo. Allora, perché preoccuparsi? Grazie per il messaggio, spero che tu e la tua bella famiglia stiate bene e che le nipotine crescano belle e sane per la gioia di nonna Mary; un saluto a voi tutti. Un abbraccio.

  2. Mary scrive:

    Leggo adesso… spero in una tua pronta guarigione. Quel tuo “…poi vada come vada…” mi preoccupa.
    Dammi notizie.
    Ciao Gianino.

  3. Giano scrive:

    Grazie…

  4. lorenzo R. scrive:

    Auguri, augurissimi di guarigione veloce e nuova vita.
    Cari saluti.

  5. Giano scrive:

    Grazie Giuseppe, non resta che affidarsi alla buona stella, poi vada come vada.

  6. Giuseppe scrive:

    Beh,al diavolo i molluschi e i “profughi” accidenti.
    Mi dispiace.Auguri e coraggio.Di cuore.

  7. Giano scrive:

    La notizia di oggi dell’operaio di Ascoli che torna a casa e trova la moglie a letto con due africani mi sembra illuminante. E non si tratta certo di un caso isolato. In quanto ai peti delle vongole non sappiamo più se ridere o piangere. Scusate se ultimamente sono un po’ assente, motivi di salute; ricovero in neurochirurgia, intervento per asportazione di un tumore al cervello, controlli, terapia. E non è finita. Succede. Grazie Giuseppe, buona settimana.

  8. Giuseppe scrive:

    «Ci sono mille modi di suicidarsi. Balzac scelse il caffè, Verlaine l’assenzio, Rimbaud l’Etiopia, l’Occidente la democrazia, e Guevara la giungla»
    Già l’Occidente e la democrazia.

    IN TOSCANA SI SCAMBIA IL ‘BIG BAMBOO’ DEI MIGRANTI (CON MOLTO TEMPO LIBERO) CON RICARICHE TELEFONICHE

    “Le ragazze di colore c’erano, come no, ma più che altro il viavai di auto nella notte, che aveva tanto allarmato i vicini di quella casa, era fatto di donne bianche, camaioresi, e qualcuna pare fosse anche sposata.”
    ” non ci sarebbe stata nessuna contropartita offerta dalle signore, in questo caso la richiesta dei ragazzi, accettata, per intrattenersi con le allegre signore e signorine sarebbe stata una consistente ricarica sul telefonino cellulare”.
    “E ieri si è scatenata la «caccia» per capire chi fossero mariti o fidanzati delle donne che hanno scelto l’avventura con i giovani profughi.”

    Mazziati e…Lascio a Lei indovinare l’arcano.
    A chiosa spero che le allegre fanciulle siano maritate con i buontemponi radical chic della sinistra buonista.Apriti cielo se trattavasi di rapporti a ruoli ribaltati.Italiani che si dilettavano con profughe.Chi lo diceva alla Boldrini?
    In quanto ai peti dei molluschi non mi diverto affatto.Finirà che verrà presa sul serio ed obbligheranno i molluschi a montare il filtro antiparticolato.A spese nostre ovvio.
    Saluti.

  9. Giano scrive:

    Caro Lorenzo, mi sa che hai ragione. La nostra fine è segnata e la nuova società sarà quella basata sulle delizie del progressismo che tu hai ben delineato. La cosa incredibile è che tutto sta succedendo senza che ci sia un minimo di reazione, se non qualche timida ed inutile dichiarazione a favore di telecamere che lascia il tempo che trova. Allucinante.

  10. lorenzo r. scrive:

    Non so se il mondo terminerà a causa dei peti dei molluschi.
    Di certo questa nostra civiltà occidentale europea, sarà presto annientata dalla invasione africana e dalla umma islamica, che cancellerà in un sol colpo tutta la nostra storia e la nostra cultura ma anche tutti i rigurgiti relativisti oggi di moda e imposti dalle sinistre dementi e infantili…gender, pansessualismo, matrimoni omosex, a due tre a quattro, bambini acquistati tanto al kilo, eutanasie per tutti, sdoganamento di patologie, diritti per cagnolini ,pappagalli e per tutti i citrulli militanti,,narcisisti patologici e arroganti.

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy