Tutto va ben

di , 14 Novembre 2014 19:06

#Sardistatesereni, va tutto bene. Lo dice il questore di Cagliari, dopo recenti episodi di scippi, furti e rapine in città: ”Non c’è nessun allarme criminalità. I cittadini possono stare tranquilli.”. E se lo dice il questore significa che è vero. O no? La dichiarazione è arrivata dopo la rassicurante notizia di uno scippo, ancora più grave perché compiuto da due minorenni di 13 e 15 anni (“Rapina a donna in carrozzina“), ai danni di un’anziana donna di 79 anni che, sulla sua carrozzina, accompagnata dalla badante, si trovava sotto i portici della centralissima via Roma.   Uno dei ragazzi, il più piccolo, 13 anni (chi ben comincia!) le ha strappato la borsetta e l’ha fatta cadere per terra, rendendo necessario l’intervento di un’ambulanza ed il ricovero in ospedale. Bella notizietta, vero? Ma non c’è da preoccuparsi, nessun allarme; lo dice il questore.

Due giorni dopo  lo scippo dell’ottantenne in carrozzina, un altro episodio di ordinaria criminalità: un impiegato è stato rapinato,  di pomeriggio in pieno centro, mentre faceva un prelievo di denaro al bancomat. Anche in questo caso un dirigente della Squadra mobile ha rassicurato i cittadini: “Non c’è alcun allarme sociale, il trend delle rapine rispetto allo scorso anno è in calo.“. Tranquilli, nessun allarme, lo dice il dirigente. Ma sarà davvero così? Per pura curiosità andiamo a vedere i casi di scippi, furti, rapine, violenza e criminalità assortita, riportati ultimamente dalla stampa locale. Teniamo presente che non sempre, specie quando si tratta di episodi di cosiddetta “microcriminalità“, segue una denuncia o il fatto viene riportato dalla stampa. Significa che il numero reale dei crimini compiuti è di gran lunga superiore a quello riportato dalle cronache. Vediamo gli ultimi episodi in ordine cronologico.

- 30 ottobre: Pula, arrestato per estorsione nigeriano parcheggiatore abusivo; donna bloccata in auto e ricattata.

- 2 novembre: Guasila, arrestate due donne nomadi per furto di schede telefoniche in un’edicola.

- 4 novembre: Cagliari, scippata anziana di 79 anni, passeggiava in via Roma con la badante.

- 5 novembre: Cagliari, impiegato rapinato in centro.

- 5 novembre: Quartu S. Elena, due ragazzi in motorino (lui 20 anni, lei 16), scippano una anziana donna disabile, le strappano la borsetta e la trascinano per  terra.

- 6 novembre: Barumini, 4 anziani fratelli e sorelle , 70 e 80 anni, rapinati mentre sono a cena. I malviventi sono entrati in casa e si sono fatti consegnare soldi ed un cellulare. Poi sono fuggiti sull’auto di uno dei fratelli che era parcheggiata nel cortile e successivamente l’hanno abbandonata e bruciata nelle campagne di Samassi.

- 6 novembre: Capoterra, ragazzini lanciano bottiglie contro vetri dell’autobus.

- 6 novembre: Cagliari, arrestato giovane per furto di profumi alla COIN.

- 6 novembre: Oristano, ruba soldi a edicolante, bloccato da agente.

- 6 novembre: Cagliari, arrestato per furto di rame in una centrale telefonica dismessa.

- 7 novembre: Glilarza, arrestati sei giovani per furti in bar e tabaccherie.

- 8 novembre: Oristano, identificati e rilasciati 5 ragazzi romeni, due minorenni, che sputavano ed insultavano i passanti.

- 8 novembre: Maracalagonis, brucia casa e auto di famiglia.

- 8 novembre: Cagliari, ragazza accoltellata davanti alla scuola.

- 8 novembre: Tertenia, arrestato ragazzo, andava a scuola con un etto di cocaina.

- 9 novembre: Macomer, allarme per sedute spiritiche, messe nere e riti satanici.

- 9 novembre: San Gavino; dopo breve ricovero, un paziente sta per lasciare l’ospedale, e mentre attende il foglio di dimissioni gli rubano la valigia.

- 10 novembre: Sassari, sgominata banda dedita a furti e rapine.

- 11 novembre: Dolianova, arrestato operaio per detenzione di armi, munizioni e droga.

- 11 novembre: Narcao, ladri in azione ripresi da telecamere, scoperti abbandonano refurtiva.

- 11 novembre: Cagliari,  auto in fiamme e spari contro il portone.

- 11 novembre: Sassari, arrestato per tentata violenza sessuale e rapina.

- 11 novembre: Carbonia, aggredisce i passanti, arrestato per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

- 12 novembre: Selargius, rubano i soldi delle macchinette automatiche che distribuiscono alimenti e bevande all’interno di una scuola.

- 14 novembre: Orgosolo, tentata rapina ai danni di cacciatori.

- 14 novembre: Cagliari, giovane arrestato per spaccio di cocaina e ketamina.

- 14 novembre: Selargius, scoperta centrale della droga, arrestati un uomo e la convivente.

- 14 novembre: Quartucciu, tentativo di furto in una scuola ed in un negozio di ottica.

- 14 novembre: Cagliari, furto in appartamento, sorpreso e bloccato dal proprietario.

- 14 novembre: Cagliari, scippata rappresentante di gioielli, bottino 5.ooo euro.

Non c’è che dire, una bella rassegna di criminalità assortita che rende sempre più insicura la vita dei cittadini. E sono solo quelle notizie riportate dalla stampa locale negli ultimi 15 giorni. Ma, come dicevo in apertura, questa è una minima parte. In molti casi, anche se si subisce uno scippo o un atto di violenza, un piccolo furto, un danneggiamento,  non si denuncia neppure, tanto si sa che è inutile. Per non parlare della vera e propria estorsione a cui vengono sottoposti gli automobilisti dagli immigrati divenuti parcheggiatori abusivi o venditori di cianfrusaglie che ormai hanno occupato in maniera permanente strade, piazze, spiagge, mercati, mercatini, tutti i parcheggi cittadini, quelli degli ospedali, dei cimiteri e dei centri commerciali. Quelli che, se vi rifiutate di comprare qualcosa o donargli volontariamente l’obolo, minacciano di danneggiarvi l’auto.  Ma guai a lamentarsi; sareste accusati di razzismo.

Ma anche in questo caso i responsabili della sicurezza sminuiscono il problema, affermando che se questi immigrati non fanno i parcheggiatori, andrebbero a rubare. Quindi questo è il male minore e dobbiamo anche ringraziare il cielo se si limitano a chiederci dei soldi “abusivamente“. Siamo ostaggio della malavita, della delinquenza spicciola o organizzata, di drogati, spacciatori, prostitute, ladri di polli e non si è più sicuri nemmeno a casa propria. E guai a lasciare la casa incustodita se andate in vacanza o avete bisogno di un ricovero ospedaliero; correte il rischio, quando tornate, di trovarla occupata da abusivi. Ma il questore dice che non c’è pericolo e che, anzi, le rapine sono in calo. Ah, bene, allora siamo tutti più tranquilli. @Sardistatesereni, siamo nella merda, il cavallo è morto, la scuderia è bruciata, il castello è in fiamme, i ladri hanno rubato tutti i gioielli, ma a parte ciò…”Tutto va ben, madama la marchesa…”.

Video importato

YouTube Video

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy