Dubbi sintattici

di , 15 Aprile 2013 14:18

Ogni giorno, leggendo le varie news, veniamo assaliti da dubbi che, specie se non si è più freschi di studi, possono mettere in crisi i nostri ricordi scolastici ormai sbiaditi e la conoscenza della lingua italiana. La formazione delle frasi, nel linguaggio giornalistico, specie nella costruzione dei titoli, è spesso casuale e più che rispondere a precise regole sintattiche, sia nella versione cartacea che in quella in rete, è condizionata dalla necessità di allineamento e di contenimento della frase entro i limiti dello spazio a disposizione. Ma non sempre è una mera questione di spazio. Talvolta nello stesso spazio si possono inserire le parole in diverse combinazioni. Il guaio è che, secondo la disposizione delle parole, può cambiare il significato della frase.

Già in passato ho riportato alcuni esempi di questa nuova “sintassi casual” che spesso dà adito ad interpretazioni del testo bizzarre, ironiche e paradossali. Ecco due esempi recenti. Il primo, di due giorni fa, è del Corriere.it.

Ovviamente si riferisce ai compiti del successore del defunto Chavez. Ma, a rigore, la disposizione delle parole lascerebbe intendere tutt’altro. Sembrerebbe che in Venezuela esistano migliaia di “Presidenti“, ognuno con compiti specifici e limitati. Ci sarà un presidente dei trasporti, uno dell’istruzione, un altro della sanità e, naturalmente, un “Presidente per i diritti umani“. Un po’ come i nostri ministri, assessori, presidenti di Enti pubblici, aziende, consorzi o i presidenti delle bocciofile di quartiere. Niente di speciale. In Venezuela i Presidenti si sprecano, potrebbero esportarli.

L’altro titolo lo troviamo stamattina nel sito dell’ANSA.

Una ragazza cade sui binari (virgola) e il treno la investe. Ma, subito dopo averla investita, forse a causa della violenza dell’impatto…muore. Muore chi? Ovvio, il treno! Certo, una pedanteria linguistica. Eppure il vero significato della frase è esattamente questo: è morto il treno.

Si scherza, si scherza, giusto per sorridere un po’. Per oggi è tutto (forse), non cambiate canale, restate con noi, linea alla regia, pubblicità…

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy