Notizia bomba

di , 21 Febbraio 2011 17:37

Oggi si usa dire scoop, ma una volta una notizia importante capace di sorprendere l’opinione pubblica la si chiamava così “Notizia esplosiva” o “Notizia bomba” o, semplicemente bomba. Termine quanto mai appropriato per la notizia di oggi che riguarda proprio il ritrovamento di un pacco bomba, fortunatamente inesploso, a Milano. Il Corriere fornisce la collocazione esatta, all’angolo fra via Melzi e corso Sempione. E titola…

Corriere bomba Milano

Altri quotidiani, invece, forse per fare più scalpore, dicono nel titolo che la bomba era piazzata nelle vicinanze della redazione del Fatto, che dista circa 50 metri.. Anche l’agenzia ANSA titola così…

ANSA bomba Milano

Ma allora chissà come titola Il Fatto, magari parla di “Gravissimo attentato al giornale“.  Andiamo a vedere ed ecco il titolo del Fatto…

Fatto bomba Milano

Sorpresa, per il Fatto il pacco bomba non era nelle vicinanze della propria redazione, ma di fronte ad uno sportello dell’ENI. Beh, hanno ragione, se uno vuole piazzare una bomba destinata a loro non gliela mette a 50 metri di distanza. O forse, i bombaroli non hanno trovato parcheggio davanti al Fatto e l’hanno lasciata davanti all’ENI. Ma allora a chi era destinata quella bomba? Boh, mistero. Però anche questo è un bell’esempio della serietà di certa informazione e di come la stampa manipoli le notizie e riesca addirittura a piazzare le bombe dove fanno più rumore.

Certo, anche i bombaroli, però, potrebbero essere più attenti. Sarebbe corretto che lasciassero un messaggio scritto specificando, nel caso la bomba non esploda, il nome e l’indirizzo del destinatario. Così, per facilitare il compito ai giornalisti. No?

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy