Stress, felicità e diete.

di , 1 Febbraio 2010 15:53

Leggevo qualche giorno fa un vecchio articolo sullo stress da SMS. Potete leggere la notizia qui: "Stress e ansia da sms".  Cercando di rintracciare altre notizie sull’argomento mi imbatto in un altro articolo, la recensione di un libro: "Addio stress, è l’ora del relax". E penso "Ecco un altro che ha scoperto il segreto della felicità." Sì, perché in questa nostra caotica società moderna nella quale siamo sempre più incasinati e stressati, e non si vede una soluzione, ci sono un sacco di persone che continuano a scrivere libri per rivelare al mondo la ricetta segreta per vivere felici. Sono, in genere, le stesse persone che saltano da un salotto televisivo all’altro, per deliziarci con le loro geniali scoperte. Un altro dispensatore di felicità lo avevo già segnalato in un precedente post "Come vivere felici con 5 euro".

Bene, leggo l’articolo, sorrido, faccio qualche riflessione e, per accertarmi di aver capito bene, lo rileggo. Titolo: "Presentata a Roma la guida per riacquistare il benessere "Bye bye stress", firmata dalla dott.ssa Anadela Serra Visconti" Non lascia adito a dubbi, è perentorio: questa guida vi dice come riacquistare il benessere. E vediamo come.  

"Camminare in una distesa di fiori, improvvisare una danza del ventre o regalarsi un bel massaggio." A questo punto dovrebbe andare in sottofondo la classica risata registrata delle sit com. La ricetta sarebbe perfetta se la maggioranza delle persone, anziché vivere in casermoni delle periferie metropolitane, in mezzo a fabbriche e fabbrichette, ciminiere, smog e squallidi quartieri dormitorio, vivesse in lussuose ville con grande parco verde, piscina e vasche con idromassaggio. Peccato che non tutti abbiano una villa con giardino. E soprattutto peccato che la maggior parte delle persone occupi il proprio tempo al lavoro ed in altre piccole incombenze quotidiane, invece che "camminare a piedi nudi nel parco".

Mi viene in mente un ricordo di molti anni fa. La mattina, andando al lavoro in macchina, ascoltavo radio Montecarlo, musica, qualche notizia e…l’oroscopo, immancabile. Perché ascoltavo l’oroscopo? Perché mi piaceva iniziare la giornata in maniera allegra e divertente e l’oroscopo mi faceva ridere; allora, poi ha cominciato a farmi piangere e non lo ascolto più. Era una famosa astrologa e quel giorno disse che per contrastare gli influssi negativi di non ricordo quale strana congiunzione di pianeti bisognava indossare un qualche gioiello particolare o una pietra preziosa. Non ricordo se fosse uno smeraldo, un topazio o qualcosa del genere. Mentre la ascoltavo la mia mente immaginò la scena: il classico basso napoletano, uno stanzone pieno di bambini vocianti, una mamma disperata per tenerli a bada e con il problema di cosa cucinare per sfamarli tutti e… Ecco il finale, questa madre un po’ sfatta, malamente vestita, che non sa come quadrare il pranzo con la cena e che…per bilanciare gli influssi negativi degli astri ha il problema di scegliere quale pietra preziosa mettere al collo. A me fa ridere (amaro), non so a voi. Anche se c’è poco da ridere.

Questo ricordo resta impresso nella memoria, chissà perché. E’ una prova che i cretini non sono un’invenzione moderna, ci sono sempre stati. Il fatto grave è che una volta erano meno pericolosi. Oggi, con lo sviluppo dei mezzi di comunicazione di massa, hanno molto più spazio a disposizione e, quindi, sono più pericolosi e creano più danni.

Ma torniamo allo stress. "…questa guida insegna come cambiare la propria vita e riacquistare tranquillità ed equilibrio. Si parte dalla diagnosi. Rughe sul volto, qualche chilo di troppo e l’aspetto stanco sono piccoli segnali di un malessere, chiamato stress. I fattori di rischio possono essere tanti. Dal lavoro all’amore, da un semplice cambio di stagione alla prova dello specchio". Ecco i grandi problemi della società moderna: le piccole rughe, la cellulite, qualche chilo di troppo, la prova costume, la prova specchio, i glutei tonici, rifarsi le tette, l’ultima suoneria per il cell, la tariffa "parla parla", cento sms gratis da inviare nelle prossime 48 ore…

"La medicina è più d’una e soprattutto piacevole.Si comincia dalla tavola. Mangiare con calma, fare qualche piccolo sacrificio e seguire la dieta dei cinque colori. Si tratta di un regime alimentare, importato dall’America, che consiste nel consumare frutta e verdura di una tipologia cromatica differente a seconda della giornata.". Inutile dire che dopo aver letto queste "amenità" viene spontaneo fare alcune riflessioni. "Mangiare con calma" va benissimo, ma bisogna avere qualcosa da mangiare. E non tutti ce l’hanno. "Consumare frutta e verdura di diversi colori" può essere un’idea divertente, ma a molta gente basterebbe avere anche solo frutta e verdura di un unico colore; purché si mangi qualcosa. Non credo che l’autrice, mentre scriveva queste ricette della felicità invitando a "mangiare con calma", avesse in mente i poveri delle nostre città, spesso anziani e pensionati, che vanno nei mercati a raccogliere gli scarti di frutta e verdura. Forse non pensava nemmeno ai poveri del terzo mondo, gli indigeni australiani o dell’Amazzonia, i milioni di bambini africani che sarebbero felicissimi di "mangiare con calma", ma anche in fretta, se solo avessero da mangiare.

Mi viene in mente un altro "guru" televisivo, un famoso nutrizionista che ogni giorno fornisce consigli sull’alimentazione. Per esempio consigliava, durante l’estate, di mangiare il cocomero, chiamato anche anguria, perché contiene il 95% di acqua e quindi è un modo per assorbire liquidi. Dimenticando che se il problema è l’assunzione di liquidi, basta bere acqua, dal rubinetto o dalla fontanella pubblica e risparmiando 2 o 3 euro per una fetta di cocomero. Consiglia anche di mangiare pesce almeno due o tre volte la settimana. E dimentica che ci sono milioni di pensionati al minimo che sarebbero felicissimi di mangiare il pesce tre volte alla settimana, se solo potessero comprarlo.

Ho l’impressione che ci siano delle persone che o vivono in un altro mondo o pensano che tutti siano ricchi e famosi. E penso che chiunque abbia un tenore di vita che gli consente di "camminare sui fiori del prato" o di rilassarsi in piacevoli massaggi o di mangiare pesce e crostacei tre volte alla settimana, lo faccia già senza avere bisogno dei consigli degli "esperti". Ma chi non può permettersi queste piacevolezze non trae nessun giovamento dai suddetti esperti, anzi. Ecco, quello che trovo insopportabile è quell’Anzi!

Trovo insopportabile l’ostentazione della ricchezza e dei suoi benefici e privilegi, sbandierati quotidianamente su tutti i mezzi di comunicazione, in faccia a chi ha grossi problemi di sopravvivenza. E non parlo solo del terzo mondo, parlo anche del nostro mondo. E non sono pochi. Allora non si può consigliare a chi vive nella merda di andare a passeggiare sui fiori. Non si può dire a chi non ha i soldi per il pane, di cambiare colore della frutta secondo l’ora del giorno. Credo che il minimo che si possa fare è avere rispetto per la povertà.

Tutto qui. Se non riusciamo ad eliminarla, almeno dobbiamo evitare di sbattergli in faccia ogni giorno la nostra ricchezza. E’ una questione di rispetto e di pudore. E infine non saranno certo questi libercoli, che servono solo a vendere qualche migliaio di copie, a combattere lo stress. Ci vuol altro. Per me, per esempio, è un notevole fattore di stress vedere tanti imbecilli in circolazione, specie se pontificano in televisione o scrivono libri con il segreto della felicità. Ma ognuno ha lo stress che si merita. Boh…!?

 

Diete colorate e fame nera… 

 

 

4 commenti a “Stress, felicità e diete.”

  1. Mary scrive:

    E se ci bevessimo un Cynar! contro il logorio della vita moderna, invece di leggere tutti questi “libercoli” che pontificano e consigliano modi alternativi per liberarci dallo stress. Caro Giano bisognerebbe proprio evitare di leggere certe caz… pardon, scemenze!

    Ciao Gianino e… salutami zio Peppino.

    …..

    Ciao Mary, sì, certe letture servono solo ad aumentare lo stress causato dalla stupidità umana. Meglio evitare. Piaciuta la storia di zio Peppino? Meno male che abbiamo ancora voglia di sorridere…:)

  2. fiore scrive:

    bravo!

    anche se io sono tra le fortunate che può andare a farsi la passeggiata nel parco pieno di fiori ( parco di terramaini, gratis per tutti)

    ….

    Bene, almeno risparmi i soldi di quel libro….come vedi, chi può lo fa già spontaneamente, senza bisogno di consigli degli esperti. Come volevasi dimostrare. Buona passeggiata…:)

  3. ivy scrive:

    ci sono tante persone ingiuste e spietate a questo mondo.. pensano a come non essere stressate loro e si prendono vacanze, fanno shopping curativo, si iscrivono a corsi assurdi per stare perfettamente in forma… ma ormai non sono neanche più umane.

    …..

    Sì, Ivy, c’è un sacco di gente che campa benissimo sull’ingenuità della massa…

  4. angela scrive:

    Bellissimo post

    ….

    Grazie :)

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy