Tette e WWF.

di , 23 Marzo 2009 15:01

Sembra proprio che le tette naturali siano a rischio estinzione. Finiranno per essere protette dal WWF, come il panda. E’ quanto risulta dalla solita inchiesta USA che lancia l’allarme su un eccessivo ricorso alla chirurgia estetica per modificare ed ingrandire il seno. La notizia viene riportata dal solito Corriere.it, sempre attento a fornirci importanti notizie: "La scomparsa del seno naturale".

"L’annuncio è dell’American Society for Aesthetic Surgery, la più prestigiosa società internazionale di chirurgia plastica, le cui indagini sono come la bibbia. I dati del 2008, resi noti con un comunicato ufficiale, dicono che nell’ultimo anno circa 355.600 donne si sono rifatte il seno contro le 341.1000 che hanno richiesto la liposuzione. Seguono in classifica la blefaroplastica (occhi) con 195.400casi, rinoplastica (naso) 152.400 e addominoplastica (pancia) con 147.400 casi."

Poveri neonati che cercheranno disperatamente di far uscire qualcosa da quei seni enormi. Hai voglia a succhiare! Cosa potrà mai uscire? Boh…forse latte in polvere! La soluzione potrebbe essere quella di usare del silicone al caffè. Così, magari, esce direttamente il cappuccino! No?

Eh, signora mia, non ci sono più le tette di una volta…

 

Un commento a “Tette e WWF.”

  1. Lalla scrive:

    …ed è un peccato.

    ma sai qual è il problema? che le donne se lo fanno per piacere agli uomini…e se agli uomini continuano a piacere…non se ne esce vivi!

    non le invidio. non ho mai pensato di voler essere di plastica!!! :)

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy