Cala il petrolio, sale la merda.

di , 18 Novembre 2008 16:23

Dopo aver toccato oltre 150 dollari al barile, il petrolio è in costante calo. Ieri si è attestato sotto i 55 dollari. In compenso sale la quotazione della merda. Ricordiamo tutti la famosa scatoletta "Merda d’artista"  di Piero Manzoni, esposta alla biennale di Venezia e prodotta, vista la grande prolificità dell’autore, in 90 pezzi, numerati e firmati. Alcune di queste scatolette sono presenti in musei, per esempio a New York, ed in collezioni private. Già ai tempi della prima produzione manzoniana venivano acquistate a circa 5 milioni di lire l’una. Alcuni anni fa un anonimo collezionista pagò ben 20 milioni per aggiudicarsi una preziosa scatoletta d’artista. Ma l’anno scorso si è andati ben oltre, a testimoniare una costante ed irrefrenabile crescita del valore della merda. Ne dava notizia questo articolo: "Manzoni: nuovo record", in cui si riferisce di un sempre anonimo collezionista che ha pagato ben 124.000 euro per una copia della "celebre" opera manzoniana.

Si, la merda è sempre più cara; costa più dello zafferano, del caviale, del tartufo, dell’argento, dell’oro, del platino, dei diamanti, più…

Ma voi siete ancora convinti che si possa cambiare questo mondo? Che sia possibile un mondo migliore? Ma vi sembra serio un mondo in cui la merda vale più dell’oro? Boh…

P.S.

Se avete un po’ di pazienza, leggete cosa scriveva Guttuso, 24 anni fa, a proposito dell’arte moderna: "Un grande falso che si chiama arte moderna".

5 commenti a “Cala il petrolio, sale la merda.”

  1. franz scrive:

    la sai la barzelletta che fa” dottore: mangio mele e cago mele, mangio pane e cago pane, mangio funghi e cago funghi: sarà grave? puo’ esserci un rimedio ?” ” e mangi cacca! ” ? Poveretto il protagonista, al quale conviene mangiare caviale ecagare caviale.

  2. nenet scrive:

    mi è sfuggita l’asta altrimenti avrei fatto carte false per avere anch’io qui la mia brava scatoletta!!!
    &ltbr/>Ho postato il tuo video sia da me che nel mio altro blog. nel post c’è il link!!! buona settimana Mandi Nenet

  3. sandro scrive:

    Questo post è il naturale compendio dell’altro post sulla stupidità del genere umano, ne sintetizza magnificamente i contenuti e ne conferma, se mai fosse stato necessario, l’ipotesi e non solo, ma stimola oltretutto il senso olfattivo dei fortunati acquirenti.

  4. La donna invisibile scrive:

    Questa speciale propaganda di vendita vuole anche confrontare le due ben note diversità,una appena suddetta in campo originalmente artistico e di ostentatorio menefreghismo controcorrente e convenzionale,l’altro ricorda in maniera forse lontana per alcuni l’uso dell’energia bio-alternativa derivante dalla combustione dello sterco ma per essere precisi dell’animale tipo le mucche che si cibano di foraggio,non dell’essere umano.

  5. Rita scrive:

    Ho sempre considerato l’opera “merda d’artista” del Manzoni come una provocazione, una ribellione dell’autore, e sono convinta che il poveraccio non avrebbe mai immaginato di avere tanto successo.Ho letto da qualche parte che la novità delle opere di Piero Manzoni ( da ricordare anche un’altra sublime stronzata, il “fiato d’artista”) sta nell’aver sollecitato una riflessione sul ruolo dell’artista di fronte all’autoreferenzialità dell’opera d’arte.Si tratta, insomma, di una feroce critica al mercato dell’arte, che acquista tutto purchè firmato.E’ riuscito in questo intento moralizzatore? Pare proprio di no. Addirittura il Manzoni è diventato vittima dello stesso ingranaggio infernale che voleva combattere, viste le quotazioni da capogiro della sua merda firmata.Amen. I suoi eredi ringraziano.Un saluto Giano

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy