Si può ridere dei musulmani?

di , 28 Ottobre 2006 02:48

Questo era il titolo della puntata odierna di "Otto e mezzo" di Ferrara su La7. Ospiti in collegamento esterno Lella Costa e Maurizio Crozza. In studio Freccero, autore televisivo, e Khaled Fouad Allam ( o qualcosa del genere) deputato in Parlamento nel gruppo dell’Ulivo. Questo signore era ospite anche ieri in un altro dibattito TV ed avantieri pure. Ogni due giorni ve lo trovate in qualche rete TV. Il guaio di questi arabi è che è difficile ricordare i nomi. Hanno sempre una "H" da qualche parte, ma non ti ricordi mai dove sia esattamente. Pazienza. Ultimamente ci sono più islamici nella televisione italiana che non su Al Jazeera. Se non è Fouad Allam è Piccardo, o l’ex ambasciatore Scialoja convertito all’islam, o una certa Patrizia Del Monte, anche lei convertita, e responsabile delle pari opportunità dell’UCOII, o c’è la ragazzina col velo a Porta a Porta, o c’è l’imam di Segrate, o quello di via Jenner a Milano… Insomma, sembra che non si possa fare un programma se non c’è l’ospite islamico di turno.

Bene, c’era anche a "Otto e mezzo". Quindi è tutto OK. Se qualcuno non sapesse esattamente il significato dell’espressione "Arrampicarsi sugli specchi" dovrebbe farsi dare la registrazione di questa puntata e studiarsela. Capirebbe subito cosa significa quella espressione. Si è detto di tutto, ma nessuno ha risposto alla domanda. Niente di nuovo, è più che normale. E’ ciò che si vede spesso nei dibattiti TV nei quali tutti sono capaci di blaterare per due ore senza mai affrontare il vero problema.

Fuhad Allam la prende larga, come suol dirsi, e parte da lontano, tirando in ballo il "contesto culturale e politico…". Lella Costa nei suoi pochi interventi insiste sulla necessità di individuare i "codici di comunicazione". Freccero, noto autore (collaborò anche con Celentano a Rockpolitik), tira in ballo una serie di difficoltà generiche dello spettacolo, dagli autori all’individuazione del pubblico al quale far riferimento, il famoso "target", chiedendosi chi poi guarderebbe un programma di satira sull’Islam. Ed infine aggiungendo perfino difficoltà varie di fare il "Casting". Cosa non si riesce a tirare in ballo pur di non rispondere! Crozza, invece, se ne esce, tomo tomo e cacchio cacchio, a dire che lui non fa satira sull’Islam perché è un mondo che "Non conosce…". Ed infatti, afferma, si limita a fare satira su Bush, sul Papa… Ed accenna una breve imitazione del Papa che manda in visibilio la conduttrice Luisanna Armeni che continua a sbellicarsi dalle risate. Certo, perché sul Papa si può ironizzare, si può ridicolizzarlo a piacere, ma…l’Islam? Eh no, quello Crozza "Non lo conosce…". Strano. Vuol dire, forse, che fa satira sul Papa e su Bush perché li conosce benissimo? Vanno a colazione insieme? Frequentano con Bush lo stesso circolo del golf? Fa le meditazioni serali insieme a Benedetto XVI? E’ per questo che si permette di sbeffeggiarli? Curioso dover constatare che Crozza conosce bene, e quindi può farli oggetto di satira, sia Bush che il Papa, che forse non ha mai incontrato, né incontrerà mai, e non "conosce" il mondo musulmano che, probabilmente, ha tutti i giorni sotto gli occhi, in TV o nella sua città. Strano, vero?

Già, questo è quello che si chiama "Arrampicarsi sugli specchi". In realtà, tutta questa gente ha una paura matta di urtare la suscettibilità degli islamici e si guarda bene dal provocarli. Basta ricordare quanto è successo con le famose "Vignette sataniche"; il finimondo. E ancora con le parole male interpretate (intenzionalmente) della lezione del Papa a Ratisbona. Basta ricordare cosa è successo a Teo Van Gogh, accoltellato per aver osato fare un breve film sulla condizione delle donne islamiche. Di recente a Berlino è stata annullata una edizione dell’Idomeneo di Mozart, preoccupati delle possibili ritorsioni islamiche. Ed un professore francese, giusto per aver scritto un articolo critico sull’Islam, è dovuto scappare e nascondersi per evitare gli effetti della solita fatwa. E’ di pochi giorni fa l’altro scontro fra l’imam di Segrate e la Santanché, rea di aver negato che il velo islamico sia una imposizione religiosa. E’ stata accusata pubblicamente in TV di essere falsa, bugiarda e ignorante. E adesso gira con la scorta. Magdi Allam, colpevole di mettere in guardia l’Occidente sul pericolo dell’invasione islamica, vive da anni sotto scorta e sempre sotto minaccia. Questo è il vero motivo per cui non si può ridere dei musulmani. O meglio, non si può fare satira sull’Islam. Altro che "Codici di comunicazione…Contesto culturale…Difficoltà di casting…Mondo che non conosco…" e balle varie!

E come se non bastasse c’è anche un altro piccolo dettaglio da non trascurare. Tutto ciò che in Italia ha a che fare con l’Islam, con l’immigrazione, l’integrazione, le moschee, la tolleranza, ed annessi e connessi, in qualche modo è sotto tutela della cultura di sinistra. E tutto ciò che può essere sgradito alla sinistra non si può fare. O meglio, a rigore si potrebbe anche fare (non c’è alcuna legge che lo vieti), ma diciamo che è preferibile evitare. Così va bene? E’ un concetto che ripeto spesso e che può sembrare azzardato e non rispondente alla realtà, ma è la pura verità. E se stiamo attenti, ogni tanto, casualmente, qualcuno ha il coraggio di ammetterlo. Ma sono casi rari, non fanno notizia e vengono subito dimenticati.

Per esempio, tempo fa Rutelli, in un impeto di onestà, affermò che l’unica cosa che teneva unita la coalizione dell’Unione era "L’antiberlusconismo". Lo disse in una intervista al TG. Mica mi invento le cose. L’esponente dei Verdi Francescato, ancora in una intervista in TV, a proposito dell’immigrazione ed in contrasto con la posizione di gran parte della sua coalizione, disse che bisognava affrontare il problema tenendo i piedi per terra e che, invece, la sinistra, spesso "Mette l’ideologia al di sopra della realtà." E brava Francescato. Onestamente è quello che sospettavo da tempo, ma fa piacere che a dirlo sia una esponente dei Verdi, quelli che sono culo e camicia con i comunisti.

Ma a confermare quello che sostengo da tempo ecco che arriva un guru della cultura di sinistra, un mostro sacro, un Nobel che ha fatto sempre della satira il suo regno. Quello che è sceso perfino in piazza per protestare contro le censure sulla satira. Quello che ha sempre dichiarato che la satira deve essere libera, che per sua natura è, e deve essere, contro il potere e bla, bla, bla… Bene, stiamo parlando di Dario Fo. E’ stato ospite alla prima puntata della nuova serie di "Parla con me" della ditta Dandini-Vergassola, in onda su RAI3 la domenica sera.

La stessa Dandini, in apertura della puntata si era mostrata un po’ preoccupata, scherzando sul fatto che loro avevano sempre, fino all’anno scorso, fatto satira sul Governo e chiedendosi cosa avrebbero potuto fare ora che il Governo è cambiato. Già, è quello che mi chiedevo anch’io. E infatti aspettavo proprio di vedere cosa sarebbe successo. Visto che per anni hanno ridicolizzato Berlusconi in tutti i modi possibili, perché era capo del Governo e la satira deve essere contro il potere, ora che il Governo è cambiato se la prenderanno con Prodi?

Ed infatti arriva l’ospite Fo e la prima domanda che Dandini gli pone è proprio questa: "Chi ha il cuore a sinistra può fare satira sulla sinistra?". Bella domanda. Anche perché, come tutti sanno, i comici nostrani sono quasi tutti di sinistra. E allora ci si chiede cosa faranno adesso che al Governo c’è la sinistra. Ci si aspetterebbe che l’irriducibile difensore della libertà di satira rispondesse confermando la sua posizione, quella per la quale è sceso in piazza, ha organizzato convegni, serate teatrali… E invece? Invece no.

Ecco cosa risponde il nostro giullare Fo: "E’ pericoloso. E’ difficile e pericoloso…" "Oh bella, ma cosa mi dici mai?", sembra pensare una sbigottita ed incredula Dandini. Già, e chiarisce che è difficile fare satira sulla sinistra perchè il popolo della sinistra non la capisce e non l’accetta. Ed è anche pericoloso perché potrebbe creare problemi di vario genere alla sinistra. Ed allora anche quando vorrebbe prendere di mira fatti e personaggi della sinistra deve rinunciare e "ingoiarsi la battuta". Conclusione? E’ meglio non farla.

E bravo anche il Nobel Dario Fo che dopo tante giullarate riesce ad essere onesto, almeno una volta, e raccontarla giusta. Chiaro? Contenta Dandini? Ora sai come regolarti. Insomma, potere o non potere, continuate a fare satira su Berlusconi. Questa sì che la sinistra la capisce e l’apprezza. E non crea problemi. Alla faccia della libertà di satira. Alla faccia di chi ci crede. Alla faccia dell’onestà intellettuale. Alla faccia tosta di questi difensori della libertà di satira a senso unico. Alla faccia di bronzo di certi comici che fanno militanza politica mascherata da satira. E stranamente sono sempre sinistri; come gli incidenti.

Tranquillo Crozza, continua anche tu a fare satira solo su chi conosci molto bene, Bush, il Papa, Berlusconi… Gli islamici? No, no, quelli non li conosciamo. Anzi, forse non esistono neanche. Forse sono una leggenda, un falso storico. Si dice che ci siano, ma chi li ha mai visti? Io non c’ero e se c’ero dormivo. E poi Crozza…Tengo famiglia! Giusto? Viva l’Italia…

 

 Avatar

Riferimenti: ( Torre di Babele)

6 commenti a “Si può ridere dei musulmani?”

  1. Nenè scrive:

    Giano, questo è un pezzo da prima pagina, onesto, appassionato e vero come sa e può essere che ancora crede nella libertà e nella satira, senza queste tue pagine, il web sarebbe finito e non rimarrebbe altro che andare a commentare i pezzi sulla Pausini(con tutto il rispetto verso la cantante).

  2. falivenes scrive:

    Giano? La Santanchè è stata tacciata in diretta dall’Imam di essere una “Infedele” per questa ragione, per prudenza, visto che ai centralini, giungevano gia minacce gli è stata assegnata una scorta.Nenè

  3. falivenes scrive:

    Ergo non si può ridere sui musulmani, non xkè ci sia poco da ridere su di essi, il fatto è amico mio carissimo che:NON SI PUO’ RIDERE SULLA FATWA!!!
    Lore, sono d’accordo, ritengo anch’io che oltre ‘STRISCIA’ in Italia non andiamo, sorvolando giustamente le altre scemenze che detto pregramma contiene.
    Giano, ho pubblicato e ho messo la foto con la cornicetta, appena puoi vai a vedere(il testo non è un granchè, non mi veniva nulla) ma la foto parla da sola, grazie ancora:-)Nenè

  4. sabbiolina scrive:

    Controlla la posta!!!
    Baci!

  5. sara.rossana scrive:

    Dobbiamo proprio parlare questi programmi che mi rovinano la serata….ti giuro che a sentirli mi viene voglia di buttarmi giù dalla finestra….una noia allucinante dettata da questi discorsi troppo lunghi, prolissi e senza senso….è sempre la stessa storia si parte da una cosa e poi non si sa mai dove vanno a finire….proprio perchè la fine forse non esiste….basta!

  6. lore scrive:

    Orribile 8 e mezzo! Mi è caduto veramente in basso con questa puntata…

    Per quanto riguarda il Papa si sa, è buono e mansueto e quindi può fare da parafulmine… inoltre nonostante la masuetudine rientra tra i “cattivi” e tra i “nemici del popolo”…

    Bella anche la chicca di Dario Fo. Nella nostra università si fece un gran baccano con Luttazzi che difende la libertà di satira.. beh, finora ho visto solo un programma che ha avuto l’onesta intellettuale di continuare ad essere contro il potere, e questo senza sbattagliare a destra e a manca come Fo: Striscia la Notizia. Che nonostante contenga tante idiozie, ha il merito di prendere di mira tutti.

    Ciao Giano, grazie per questo interessante articolo

    Lore

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy