Scoop: G.W.Bush indagato, chiesta l’estradizione.

di , 8 Luglio 2006 00:09

Calma, calma, partiamo dall’inizio. I servizi segreti si chiamano così perché sono "segreti". Se non fossero segreti sarebbero pubblici ed avrebbero dei "Box informazioni" sparsi per le città d’Italia, in stazioni, parchi e centri commerciali e magari anche un numero verde sulle pagine gialle. E tutti gli italiani, ma anche i turisti cinesi di passaggio, potrebbero accedere alle informazioni e sapere a quali casi di spionaggio internazionale stiano lavorando i vari 007. Sarebbe interessante, ma così non è, proprio perché i servizi segreti sono "segreti".

Uno degli aspetti caratteristici dei servizi segreti è che i suoi agenti sono "segreti" ed operano con mezzi e metodi "segreti. Ogni nazione ha il proprio servizio segreto che opera segretamente in accordo o in opposizione ad altri servizi segreti. E tutto procede con più o meno successo e soddisfazione da parte di tutti. In questo modo, per esempio, i nostri servizi segreti hanno lavorato per liberare Simona 1 e Simona 2, Giuliana Sgrena e per sventare di recente atti terroristici sul territorio nazionale ed assicurare alla giustizia pericolosi agenti del terrorismo islamico. Salvo poi che questi terroristi vengono assolti perché non sono terroristi, ma guerriglieri o resistenti. Il tutto con grande riconoscenza di tutti, specialmente dei terror…pardon, dei "resistenti" islamici (Che pacchia l’Italia, vero?).

Fino a quando, ecco l’inghippo, fino a quando non succede che un tale Abu Omar, già ricercato e sotto inchiesta, ma a piede libero, per gravi fatti legati al terrorismo internazionale, non ci viene "fregato" sotto il naso da agenti della CIA. Apriti cielo! Il fatto è gravissimo e, ovviamente, i magistrati di Milano si indignano perché gli hanno tolto la possibilità di giudicare qualcuno e poi, magari, assolverlo perché non era terrorista, ma resistente, e perché inneggiare a Bin Laden non è apologia di reato, ma "libertà di pensiero e di espressione" garantita dalla nostra Costituzione. Olè…

Si chiede l’estradizione di agenti della CIA, si arrestano i vertici del Sismi, perché "non potevano non sapere" e si inquisiscono giornalisti perché avrebbero collaborato con i servizi segreti. Ora, tutti sanno che i servizi segreti, benchè abbiano a disposizione canali segreti e mezzi e metodi sofisticatissimi, quando hanno bisogno di avere qualche notizia riservata, operano nel modo seguente. Si manda un giornalista (per esempio, Farina) a fare un’intervista con il personaggio di cui si vogliono carpire le notizie segrete (per esempio, Spataro), si aspetta che il giornalista pubblichi l’intervista e si leggono le notizie "segrete e riservate" tranquillamente sui quotidiani del mattino. Semplice, pratico e senza rischi. Comoda la vita di un agente segreto, più o meno come un geometra del catasto. O no? 

Ovviamente, non soddisfatti dell’arresto dei dirigenti del Sismi, si accusa anche il Governo di connivenza con il nemico (la CIA) per il semplice teorema, tanto in voga nelle procure italiane, che il Governo "non poteva non sapere". Questo teorema è quello per cui Berlusconi non poteva non sapere che il suo stalliere aveva contatti con la mafia. Quindi, essendone a conoscenza, non poteva non essere d’accordo e coprire le malefatte dello stalliere. Quindi non poteva non essere d’accordo con la mafia. Quindi non poteva non essere complice. Quindi Berlusconi è mafioso.

Ora, la logica di questo teorema può sembrare un po’ traballante e non proprio in linea con la logica aristotelica o con la matematica pitagorica, ma a sinistra questa logica è quella comunemente accettata, va come il pane, specie se la si applica agli avversari politici. Se invece, giusto per fare un esempio, qualcuno entra a Botteghe oscure con una valigia contenente 150 milioni, da consegnare a qualcuno del partito e verrebbe da pensare, secondo questo teorema, che i dirigenti "non potevano non sapere", beh…vi sbagliate. In questo caso non ci sono testimoni: quello era in ferie, quello dormiva, l’altro era in bagno, insomma non ci sono testimoni e tutto finisce a tarallucci e vino. Anche la logica a sinistra è relativa. Olè…

E arriviamo allo scoop. Sembra da fonti segretissime (forse sono talpe del Sismi) che in Marmilla, che è una tranquilla regione agricola del medio campidano, alla procura di Pompu, Simala e Masullas (avendo pochi mezzi hanno aperto una procura in consorzio, così risparmiano) il sostituto aspirante precario apprendista aggiunto in prova procuratore Nassieddu Conchemallu, forte del suddetto teorema che "non poteva non sapere" abbia fatto questo semplice ragionamento. La CIA ci ha fregato Abu Omar, quindi i capi della CIA non potevano non sapere. Ma il capo della CIA, come tutti sanno, ogni mattina riferisce direttamente al presidente Bush su tutte le novità di rilievo. Quindi il presidente Ceorge W. Bush "non poteva non sapere". Forte di questa considerazione dalla logica ferrea, il nostro sostituto aspir…etc…Nassieddu Conchemallu ha aperto un fascicolo ed avviato un’inchiesta per accertare le responsabilità dirette del presidente USA.

Intanto ha inviato un avviso di garanzia direttamente alla Casa Bianca (l’avviso partirà appena troveranno l’indirizzo esatto) ed ha richiesto l’estradizione di George W. Bush affinché sia interrogato, come persona informata dei fatti, presso la procura consorziata di Pompu, Simala e Masullas. Il presidente Bush, informato dei fatti (intendiamo di questo avviso di garanzia) ha fatto sapere, in via informale, al sostituto aspir…etc…Nassieddu che è disponibilissimo a trasferirsi in Marmilla per sottoporsi all’interrogatorio, purché gli sia assicurato l’alloggio presso un noto agriturismo della zona famoso per i malloreddus alla campidanese, la pecora bollita ed il "casu marzu" (non vi spiego cos’è, tanto non lo mangerete mai, lo teniamo per noi).

Sembra che Bush abbia anche chiesto di partecipare al rinomato "pranzo con i pastori" e, forse per accrescere le sue qualità mascoline, di assistere ad uno spettacolo, tenuto da un gruppo folk locale, di due ore a base di "Ballu tundu" e "Passu torrau", due notissimi e popolari balli sardi che pare abbiano la caratteristica, già dopo mezz’ora, di farvi venire "due palle così…". Restiamo in attesa di ulteriori notizie. Boh…!?

Avatar
Riferimenti: ( Torre di Babele)

Un commento a “Scoop: G.W.Bush indagato, chiesta l’estradizione.”

  1. Nenè scrive:

    Grandissimo Giano e forte pure Maralai, amico Blogger noi ti difenderemo perchè ‘noi sappiamo che tu sai’
    “Si scopron le tombe si levano i morti…”
    Provo a chiamarti ammesso che hai il cell. acceso, così laviamo un po’ di panni;-)Sà

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy