Tolleranza a senso unico (come il pacifismo…)

di , 4 Agosto 2005 19:31

Qualche tempo fa, commentando un post sulla tolleranza, scrissi che "Quelli che predicano la tolleranza spesso si dimostrano intolleranti verso coloro che non si dichiarano tolleranti". Sembra un gioco di parole, ma… Girovagando per blog ho letto un post che criticava Ferrara per un suo articolo su "Il Foglio". Ma non è di questo che intendo parlare, anche se l’interpretazione del tutto arbitraria e faziosa dell’articolo di Ferrara dimostra chiaramente che non tutti riescono a leggere fra le righe e capire il significato di ciò che leggono. Anche capire ed interpretare nella maniera corretta un testo scritto, con tutte le sue sfumature, necessita di cultura e intelligenza, ma soprattutto di onestà intellettuale. E non tutti ne sono dotati.

Mi ha colpito, piuttosto, un testo inserito nel box a lato, che recita testuale: " Noi siamo contro ogni forma di discriminazione. Non sopportiamo in particolare l’omofobia, vecchio cancro di questa società. Non tolleriamo inoltre i continui e ripetuti anatemi che la Chiesa cattolica continua a lanciare contro le persone "diverse". Non tolleriamo che, in nome di chissà quale Parola di Dio, si usino definizioni come "contro natura" e "persone deviate". Non tolleriamo che, in nome di chissà quale Dio, venga condannata una persona perchè "diversa"." Beh, per essere delle persone che si dichiarano contro ogni forma di discriminazione e che, quindi, dovrebbero essere estremamente tolleranti, sembrano piuttosto "Intolleranti"… O no? Esattamente ciò che intendevo dire con quello che sembrava un semplice gioco di parole. Come volevasi dimostrare.
Riferimenti: ( Torre di Babele)

11 commenti a “Tolleranza a senso unico (come il pacifismo…)”

  1. Giano scrive:

    Ciao Stefan, tranquillo, non c’è fretta.
    Il fatto è che ricordo uno dei primi post dedicati a Frankl e fu quello a lasciarmi qualche dubbio.
    Ma dovrei ritrovarlo, ammesso che ci sia ancora.
    Ma non è poi così urgente.
    Sono curiosità, non fartene un problema.
    Prima o poi ne riparliamo.
    Intanto pensa a trascorrere serenamente l’estate.
    Buon WE…:)))

  2. Stefan scrive:

    Ciao Giano,
    ho imparato a conoscerti
    e son sicuro che non è
    una critica nei miei confronti
    ma sull’autore.

    Non tenerti la cartuccia “conservata” per amicizia nei miei riguardi..
    SPARALA (nel senso buono)

    sò che se hai una cosa da dire la dicci
    con onestà intellettuale..è giusto così
    son sicuro che ti trattieni per me,
    per non dispiacermi
    ma ci siamo già chiariti…

    può essere un momento di “crescita”
    anche per me.

    Ciao Buona giornata.
    Stefan

  3. piz scrive:

    Tutto è a senso unico. Ormai ho imparato. Si dice quello che non si fa e si fa quello che non si dice…

  4. newca scrive:

    …azz…onorato di aver letto un bel post…siete sempre più mosche bianche…

  5. Stefan scrive:

    Ciao Giano,
    dici che ogni volta che “riporto i pensieri di Frankl” vorresti addentrarti in una analisi dei concetti espressi…
    ma poi lasci perdere, secondo me,
    per non “ferirmi”.

    Ho imparato a conoscerti, in questo tempo,
    e sò che sei preparato e non spari a zero tanto per farlo…ti riconosco l’onestà intellettuale..

    Ti posso dire che l’aver letto Frankl mi fa stare meglio…forse è una questione di convenienza la mia mi rendo conto, però quando una persona stà male e certe letture lo aiutano a stare molto meglio, sinceramente di problemi
    non me ne metto.
    Son sicuro che mi hai capito…

    Sarò ben contento di leggere questa tua analisi

    Grazie per l’attenzione.

    Stefan

  6. fragmenta scrive:

    c’è una sottile linea, quasi sempre invisibile, tra la malafede e l’ignoranza che per l’occasione fa anche rima (e non solo) con in-tolleranza.
    Grazie per il tuo saluto.
    fragmenta

  7. Giano scrive:

    Ciao Layla, buone vacanze anche a te.
    Rilassati, diverti, non farti troppe “seghe mentali”, e goditi la vita…:)))

    Ciao Skizo, bella metafora.
    Credo che la soluzione in quel caso, se si ha paura delle gallerie, sia quella di non prendere il treno.
    No?
    Come procedono le pulizie?
    Spiritualmente ti sono vicino…solo spiritualmente, non sopporto la polvere.
    Ciao, buona serata :)

  8. Skizo scrive:

    Vivere nell’intolleranza è come pretendere di far muovere un treno fuori dai binari solo perché si ha paura del buio della galleria.
    Ciaociao!

  9. layla scrive:

    buone vacanze…..

  10. Giano scrive:

    Ciao bella, hai ragione, è un periodo strano…
    Eppure, se ci penso, mi viene in mente che una volta c’erano le “Case di tolleranza”, ma poi le hanno chiuse.
    E allora, da dove viene tutta questa tolleranza?
    Boh…!?
    Giugiuli?
    Che vor dì???
    Poco lavoro?
    Ahi ahi ahi…ma mandali tutti a Sharm, sarà una vacanza esplosiva!
    Ma non giugiularti troppo. Potrebbe capitarti fra capo e collo una…stagista!
    Noooooooooooooooooooooooo!!!!!
    Ciao bella, buona serata :) ))

  11. mqp scrive:

    TAAAAC! Prima!
    si vede che in questi giorni mi giugiulo, eh????
    basta!!!! anche io non TI TOLLERO più!!!! Cosa sono tutte ste’ denuncie? Tutti quei poveretti che ne fanno una questione di VITA o di MORTE per questo principio…essù!
    solo io non ho mai detto di essere tollerante… se no mi chiamavo quantatolleranza, no???? ;-) ))

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy