…IPOCRITI…

di , 7 Settembre 2004 20:38

E questa volta non lo dico cercando di mitigare le affermazioni con l’ironia. No, lo dico dal profondo del cuore e non in senso lato, con qualche attenuante, no, ve lo dico nel senso letterale e peggiore del termine. E mi rivolgo a voi, fiaccolanti e candelanti, sempre pronti a dimostrare il dolore e lo sdegno e la condanna per avvenimenti che conoscete solo attraverso i mass media, ma dal calduccio e dalla tranquillità delle vostre case. Lo dico a voi che versate fiumi di lacrime per i poveri bambini vittime di bestie umane. Lo dico a voi e vi chiedo: " Se provate tanto sdegno e dolore per queste povere vittime innocenti così lontane dalle vostre case, provereste uguale sdegno se morissero centinaia di bambini nella scuola del vostro borgo?" Presumo di sì. E lo presumo perchè sono convinto che se vi sta a cuore la vita di bambini così distanti da voi, a maggior ragione dovrebbe toccarvi la vita dei bambini che vi circondano. A maggior ragione dovreste preoccuparvi della vita dei vostri figli. O no? Bene, allora, ammettendo che vi stia a cuore la vita vostra, dei vostri cari e dei vostri figli, in una situazione in cui ormai anche i bambini hanno capito che ci troviamo di fronte ad una guerra dichiarata e senza esclusione di colpi, in cui non ci sono più posti sicuri ed al riparo da possibili attentati, cosa dovreste chiedere a chi governa? Chiunque sia in possesso delle proprie facoltà mentali chiederebbe esattamente che il governo prenda tutte le misure possibili per tutelare l’incolumità vostra e dei vostri cari. Fate questo? No. Punto primo. E’ accertato ormai che l’Italia, e l’Europa in genere, è terreno di coltura dei terroristi. Lo sanno tutti e non hanno difficoltà ad ammetterlo. Si sa per certo che molti dei terroristi che hanno compiuto stragi negli ultimi tempi, partono proprio dall’Italia. Si sa per certo che queste "cellule" terroristiche, che siano sveglie o dormienti fa poca differenza, si appoggiano a gruppi e associazioni islamiche in Italia. Si sa per certo che molti di questi terroristi arrivano al seguito di gruppi che arrivano nel nostro Paese come immigrati, più o meno clandestini. Molti dichiarano apertamente che sul flusso di immigrati clandestini ci sia la mano di Al Qaeda. Mi concedo, a questo punto, un attimo di relax. Qualcuno pensa che i terroristi arrivino clandestinamente? Ma quando mai, sono sciocchezze. E’ risaputo che i terroristi sono persone serie e si presentano alla frontiera o ai posti di controllo con tanto di regolari documenti e civilmente " Piacere, sono un terrorista…dove potrei andare per organizzare tranquillamente un attentato?" Presumo che, più o meno, sia questa la presentazione di un terrorista alla frontiera. Fine del relax. Torniamo a bomba (tanto per restare in tema). Punto secondo. Molte delle persone che si dimostrano tanto addolorate in questa tragica occasione e che espongono candele alle finestre o sfilano in pittoresce fiaccolate, sono le stesse che espongono le bandiere della pace e che poi sfilano, sempre con altrettanta partecipazione, per chiedere tolleranza, integrazione fra culture, accoglienza per tutti e libertà di ingresso per tutti gli immigrati. Punto terzo. Queste stesse persone sono sempre quelle che si scandalizzano e protestano, nei modi ormai canonici ( cortei, manifestazioni, sfilate, concerti, etc…) con ampio sostegno di una larga parte dell’informazione e di schieramenti politici, contro qualunque forma di limitazione o di controllo dell’ingresso degli immigrati. Guai a limitarne l’ingresso, guai a respingerli, guai a individuarli, guai a prendere impronte digitali, guai a turbare la loro sensibilità. Domanda. Posto che in Italia ci sono cellule terroristiche e che i terroristi arrivano seguendo i canali dell’immigrazione clandestina, voi, madri, padri, che ci tenete tanto alla vita dei vostri cari, perchè invece che chiedere maggiori controlli e regolamentazione dei flussi di immigrati clandestini, vi battete per aprire le frontiere a chiunque, senza verifiche e controlli? Rispondete una buona volta. Ma probabilmente troverete qualche difficoltà a rispondere in maniera coerente. E sapete perchè vi è difficile rispondere? Perchè siete …Ipocriti… P.S. Siete sicuri che le scuole frequentate dai vostri figli siano sicure e che a voi non succederà mai quello che avete visto in TV? Ne siete davvero tanto sicuri? Bene, buon per voi. Ma il giorno che vi ritroverete con una bomba sotto il culo, cosa risponderete ai vostri figli? Cosa direte? Direte che vi siete battuti per l’integrazione razziale? Per la solidarietà? Per l’accettazione di culture diverse? Per una società multietnica? Cosa direte ai vostri figli, ammesso che siano vivi? Cosa direte, piangendo sulla tomba dei vostri figli? Auguratevi di morire anche voi con i vostri figli, perchè altrimenti non avrete lacrime sufficienti per piangere.
Riferimenti:
( Torre di Babele)

4 commenti a “…IPOCRITI…”

  1. Giano scrive:

    Cara Luce, mi sembra chiaro che non mi riferisco a tutti coloro che aderiscono ad una fiaccolata o ad una marcia per la pace.
    Mi riferisco a quelle persone che fanno questo, ma al tempo stesso si oppongono a qualunque tipo di restrizione sugli ingressi degli immigrati e contestano qualunque tipo di controllo o identificazione.

    In quanto al punto 4, le forze dell’ordine non fanno altro che applicare le leggi e ben poco possono fare in una società in cui le leggi super garantiste limitano di fatto un vero controllo.
    Non lo dico io, lo dicono tutti, perchè è sotto gli occhi di tutti che, nonostante le forze dell’ordine riescano ad individuare e denunciare i malviventi, dopo due giorni queste persone sono già fuori, pronti a ricominciare.
    Allora, come possiamo pensare che le forze dell’ordine ci tutelino?
    Oggi ad essere tutelati non sono i cittadini onesti, ma i malviventi.
    E questo lo sappiamo tutti.
    Lo sanno anche i magistrati e lo sanno, soprattutto, gli interessati…i malviventi.
    Ma ancora è niente…
    Diamo tempo al tempo e poi ne riparleremo…se ci siamo ancora.

  2. luceebuio scrive:

    Ciao Giano, e ora inizio con i punti:
    Punto 1^: buona serata
    Punto 2^: sicuramente i veri terroristi non sono quei poveri disgraziati col gommone ma sono persone ben integrate
    Punto 3^: credo che abbiano pianto la morte di quei bambini tutti i leghisti e quelli di alleanza nazionale, sicuramente loro i clandestini e gli islamici li vorrebbero al loro paese d’origine
    Punto 4^: sono convinta che non si possa in alcun modo evitare un attentato ed è per questo che credo che prima anche da noi ne avverrà uno. Posso capire anche che le forze dell’ordine più di quello che stanno facendo ora non possano fare e stanno già facendo molto per proteggerci
    Punto 4^: io personalmente sono a favore dei controlli e delle impronte digitali prese alla frontiera, visto i tempi non lo troverei strano ma una seria misura di sicurezza.

    Credo che ora siamo in una situazione delicata in Italia, forse è anche vero che siamo in pericolo anche noi e io sinceramente un po’ di fifa quando prendo il metro ce l’ho.
    Non credo di essere ipocrita e probabilmente riceverò delle critiche per quanto ho scritto ma io la penso così.

    P.S. Se dovessero prendere a me le impronte durante uno dei miei viaggi non ne farei affatto un problema.

    Basini e basetti

  3. Giano scrive:

    Cara Elisa,
    onestamente non so cosa risponderti.
    Ma non preoccuparti, troveranno sempre una spiegazione e magari metteranno una candela alla finestra.
    Io avevo smesso da molto tempo di occuparmi di politica.
    Se dovessi dare uno sguardo al mio blog, in più di un anno molto raramente ho accennato a temi politici.
    Ma ora non so più se devo ridere o piangere.
    Ho appena letto un post che in risposta all’ultimo sequestro di altre due ragazze italiane parla di…carovana della pace.
    Fatemi capire.
    Questi continuano a sequestrarvi, sgozzarvi come agnelli a Pasqua e voi rispondete con …una marcia della pace?
    No comment.
    Auguri Elisa…

  4. elisa scrive:

    ciao giano,
    forse è perchè ho solo 24 anni ma io non riesco a raccapezzarmi in quello che sta succedendo.
    Io so solo che ho paura. oggi c’è stata un’edizione straordinaria del tg 5 ed io ho avuto paura. Ora sono in Calabria, dai miei genitori, ma mia sorella e i miei amici sono a Roma e ho avuto paura per loro.
    ci hanno cresciuti con l’idea che l’europa si fosse ormai seduta sul trono della pace, ma ora io ho paura della guerra. Ho paura di vedere le persone che amo fra le lamiere insanginate di un treno per pendolari. Io ho paura.

Lascia un commento

Codice di sicurezza:

Panorama Theme by Themocracy